Civismo ed elezioni Regionali, troppa frammentazione, uniti si vince, o no?

una coalizione capace di mettere al centro le persone, la tutela dell’ambiente e dei diritti, la dignità del lavoro

 
Chiama o scrivi in redazione


Civismo ed elezioni Regionali, troppa frammentazione, uniti si vince, o no?

Civismo ed elezioni Regionali, troppa frammentazione, uniti si vince, o no?

Siamo convinti che sia necessario e possibile che tutte le energie civiche che si stanno aggregando nella nostra regione si incontrino, già a partire dai prossimi giorni. Intanto non possiamo che valutare molto positivamente l’appello del Sindaco di Gubbio Filippo Stirati“. Ad affermarlo è il cantiere civico denominatio Per un movimento delle idee e del fare che nelle scorse settimane aveva diffuso il proprio documento programmatico accompagnato da oltre 200 firme di rappresentati del mondo politico e civile umbro.

Molte sono le risorse che la nostra regione può esprimere prosegue la notaa partire da chi ha già costruito esperienze positive nelle città. In questo senso sono molto positivi anche il recente comunicato di Umbria dei Territori e le iniziative promosse dalle liste con maggior sensibilità politica e di sinistra come quella di “Cambiamo l’Umbria insieme“, così come la presa di posizione del movimento Demos, recentemente costituitosi anche in Umbria. Con questo spirito aderiamo all’invito pubblico del Sindaco di Gubbio Filippo Stirati a incontrarci quanto prima con lui e con tutti gli altri cantieri civici in costruzione’.

Il comune obiettivo, infatti, è “quello di una coalizione capace di mettere al centro le persone, la tutela dell’ambiente e dei diritti, la dignità del lavoro, una richiesta di forte e netta discontinuità alla politica unendo il meglio delle forze laiche, cattoliche, ambientaliste e riformiste di questa regione. Tutto ciò – si conclude la nota – deve spingerci a verificare quanto prima le possibili e necessarie convergenze per un progetto vincente“. (da Francesco Bircolotti)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*