Bonus 110 per cento, la regione metta in campo tutte le iniziative per agevolare i cittadini

 
Chiama o scrivi in redazione


Piccole imprese, Regione immetta nuova liquidità per reggere peso crisi

Bonus 110 per cento, la regione metta in campo tutte le iniziative per agevolare i cittadini

“Il Bonus 110 per cento è uno strumento che può agevolare la ripartenza dell’economia. Per questo serve fare di tutto per agevolare cittadini e professionisti interessati a tale possibilità”. Così i consiglieri regionali del Partito democratico Tommaso Bori, Michele Bettarelli, Simona Meloni, Fabio Paparelli e Donatella Porzi, che hanno presentato un’interrogazione alla Giunta per chiedere “quali siano i tempi per portare a termine la modifica del Testo unico Governo del territorio, annunciato in Commissione dal direttore regionale Nodessi e quali azioni concrete siano state messe in campo fino ad ora”.

“Il Superbonus 110 per cento è un’agevolazione – spiegano i consiglieri regionali dem – che eleva al 110 per cento l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, interventi sismici, installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici. La Regione, in merito, può svolgere un ruolo di coordinamento e supporto per i Comuni, attraverso gli assessorati competenti”.

“In Assemblea legislativa – proseguono – ci siamo già occupati di Bonus 110 con una mozione della minoranza, votata dall’Aula, che impegnava la maggioranza su punti ben precisi: dalla necessità di interventi coordinati con gli assessorati all’impegno del Bonus per il superamento delle barriere architettoniche, all’utilizzo per la rigenerazione urbana dei fondi Fesr, fino ad una campagna informativa. Durante una audizione il direttore Stefano Nodessi ha informato i consiglieri anche sulla necessità di ‘allineare il quadro normativo di riferimento regionale con quello nazionale, evitando che ogni amministrazione locale si muova in maniera diversa. Ci sono Comuni, per esempio, in cui per il rilascio di una pratica edilizia bisogna attendere fino a cinque mesi’”.

“In questo quadro – concludono i consiglieri dem – occorre capire se agli enunciati previsti dalla nostra mozione siano seguiti i fatti. Il Bonus 110 è una grande opportunità per il nostro patrimonio edilizio, per l’economia e per il lavoro. L’Umbria deve farsi trovare pronta, senza tergiversare”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*