Autismo, Squarta: «Approvato nel Defr emendamento per legge sui disturbi del neurosviluppo»

Autismo, Squarta: «Approvato nel Defr emendamento per legge sui disturbi del neurosviluppo»

Autismo, Squarta: «Approvato nel Defr emendamento per legge sui disturbi del neurosviluppo»

Approvato dall’Assemblea legislativa dell’Umbria l’emendamento di Fratelli d’Italia per inserire nel Defr l’impegno ad approvare la legge sui disturbi del neurosviluppo e procedere all’istituzione di quei servizi essenziali per i bambini e per gli adulti costretti a convivere con l’autismo. Ne dà notizia il presidente dell’Aula, Marco Squarta, firmatario dell’atto insieme alla consigliera Eleonora Pace. Squarta definisce la decisione dell’aula di «straordinaria importanza» in una «giornata storica per la nostra Regione».


da Simona Vitali
Portavoce Presidente Marco Squarta


Nella proposta di emendamento si chiede, tra le altre cose, di «valutare, attraverso la presentazione di un disegno di legge organico che tenga conto di bisogni e necessità, la possibilità di sostenere le famiglie delle persone con disturbi del neurosviluppo mediante la corresponsione di un contributo alle spese sostenute per prestazioni integrative rispetto a quelle erogate dal sistema sanitario regionale, comunque riconducibili a metodi e interventi terapeutici, abilitativi e riabilitativi basati sull’evidenza scientifica e di comprovata efficacia».

«Servono servizi e contributi economici alle famiglie per sostenere le spese derivanti dalla necessità di usufruire di metodi ed interventi terapeutici, abilitativi e riabilitativi non sempre garantiti dal sistema sanitario regionale e quindi molto costosi – spiega Squarta -. Si tratta di un atto importantissimo per arrivare al più presto all’approvazione di una legge unica in Italia. Dopo mesi di lavoro – conclude il comunicato dell’esponente del partito di Giorgia Meloni – si inizia a intravedere qualcosa di concreto, affinché alle parole corrispondano i fatti».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*