Archè, la sfida delle idee, sabato e domenica al via ad Assisi

Tutto pronto per Archè, la conferenza programmatica del Pd Umbria

Archè, la sfida delle idee, sabato e domenica al via ad Assisi

PERUGIA – Si chiama ‘Archè. La sfida delle idee’. Ha un obiettivo ambizioso, quello di aprire una fase nuova e inaugurare un nuovo metodo di partecipazione in un partito rigenerato, aperto, inclusivo. Si svolgerà sabato 18 e domenica 19 settembre ad Assisi. È la conferenza programmatica regionale, promossa e organizzata dal Partito Democratico dell’Umbria e presentata questa mattina in conferenza stampa dal segretario regionale Tommaso Bori.
“Il senso che abbiamo voluto dare a questo percorso – ha spiegato Bori – sta già nel nome, che è una sfida a noi stessi: Archè, che è principio, sostanza da cui tutto trae origine. In Archè – e nella conferenza programmatica – c’è la nostra visione del Pd e della sua missione, c’è la promessa di una politica fatta con passione e impegno collettivo, come laboratorio partecipato di idee che aspirano a migliorare le nostre comunità. L’abbiamo scritto con la e rovesciata, che è simbolo di inclusione, e con l’accento, a sottolineare che la partecipazione è qui, è ora. Non sarà un evento a sé – ha aggiunto il segretario – ma un pezzo di un percorso molto più articolato, nato all’inizio dell’estate con un comitato promotore e gruppi di lavoro che hanno tenuto decine di incontri con i rappresentanti della società umbra.
E che si svilupperà nei prossimi mesi con i forum e con il coinvolgimento di quanti vorranno contribuire, ciascuno secondo le proprie aspirazioni e le proprie possibilità. Abbiamo definito sin dall’inizio ruoli tematici nelle segreterie, organizzato i primi gruppi di lavoro, incontrato associazioni e sindacati. Ora, ad Assisi, apriremo la discussione, con l’intento di dare continuità al percorso con gli strumenti e nei luoghi che metteremo a disposizione, agli iscritti e ai simpatizzanti, ai circoli e agli amministratori, alle associazioni e alle parti sociali, perché ciascuno si senta protagonista di una nuova storia. Poi, nei prossimi mesi, saremo impegnati a raccogliere e tradurre le sollecitazioni ideali che saremo in grado di suscitare fino a costruire il nostro nuovo canovaccio di priorità e programmi per l’Umbria che verrà, lontana dagli schemi reazionari che il centrodestra al governo della regione vorrebbe fabbricare.
Da qui vogliamo far partire una fase nuova del Partito Democratico in Umbria, per costruire un futuro alternativo che parte dalle idee e dalle persone per un Pd più forte, coinvolgente, inclusivo e un’Umbria più aperta e innovativa, solida e solidale, inclusiva e sostenibile”. L’appuntamento è per sabato 18 settembre e domenica 19 settembre all’hotel Cenacolo di Assisi. Nella prima giornata si riuniranno i tavoli tematici, sei, secondo l’impianto del Piano nazionale di ripresa e resilienza: “Sviluppo, innovazione, cultura”, “Rivoluzione verde”, “Smart city e infrastrutture”, “Istruzione e ricerca”, “Salute”. Nella mattinata di domenica è prevista la plenaria, che sarà aperta dai saluti del segretario nazionale Enrico Letta e chiusa dal presidente della Fondazione Pd Gianni Cuperlo e a cui interverranno i coordinatori dei tavoli, che relazioneranno sul lavoro svolto e sui temi approfonditi, le vice ministre Marina Sereni e Anna Ascani, i segretari regionale e provinciali Bori, Camilla Laureti e Fabrizio Bellini, la sindaca di Assisi Stefania Proietti.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*