Approvata mozione sblocca crediti fiscali del Superbonus 110%

Frode Bonus Facciate, sequestrati 80milioni di €, crediti e beni fasulli per otre 3mln, 53 indagati

Approvata mozione sblocca crediti fiscali del Superbonus 110%

“Bene l’approvazione in Consiglio regionale della mia mozione per sbloccare i crediti fiscali del Superbonus 110%”. È quanto dichiara il capogruppo del Movimento 5 Stelle a Palazzo Cesaroni, Thomas De Luca, commentando il voto positivo dell’Aula di questa mattina.

“L’obiettivo dell’atto – spiega De Luca – è evitare il fallimento di 500 imprese e di mettere a rischio 2700 posti di lavoro in Umbria. Per questo abbiamo presentato una mozione per impegnare la Regione ad avere un ruolo attivo nella circolazione dei crediti fiscali del Superbonus 110% considerando anche l’acquisto dei crediti, direttamente o attraverso i suoi enti e società strumentali, per un loro utilizzo diretto in compensazione nei limiti della capienza fiscale e contributiva propria o di ciascuno di essi. Il Superbonus 110% in Umbria ha contribuito per il 22% alla crescita del Pil del 2022 secondo i dati del Centro di ricerche economiche, sociologiche e di mercato per l’edilizia. Il blocco dei crediti, invece, sta avendo un impatto sull’economia potenzialmente devastante”.

“La mozione – continua De Luca – è stata approvata con un emendamento e sottoscritta da tutti i gruppi dell’Assemblea legislativa e impegna la Giunta a valutare (non a promuovere come avevamo richiesto) tutte le azioni necessarie affinché la Regione Umbria assuma, anche attraverso gli enti strumentali da essa controllati, un ruolo attivo nella circolazione dei crediti fiscali derivanti da interventi di cui all’articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020 n. 34, convertito con modificazioni dalla legge 17 luglio 2020, n. 77 (cd. Superbonus 110%), effettuati da imprese aventi sede legale ed operativa sul territorio regionale e in riferimento ad immobili ubicati sul medesimo territorio, con l’obiettivo di stimolare il maggior numero di iniziative”.

“Siamo disponibili a questa sintesi – sottolinea De Luca – affinché l’atto vada avanti e siano assunte azioni nel più breve tempo possibile. Resteremo vigili su questo tema perché siamo già in enorme ritardo rispetto a molti enti locali che si stanno attivando. Regioni come Sardegna e Piemonte e la Provincia di Treviso, ad esempio, in questa direzione si sono già mosse. Si tratta di un’opportunità importante per aziende e famiglie in crisi e che si trovano nel limbo rischiando di fallire o subire gravi danni proprio a causa dei crediti fiscali incagliati. Un provvedimento che porterebbe un vantaggio in termini finanziari liberando risorse anche per altri interventi e che, tra l’altro, rientra nel quadro delle politiche europee sulla neutralità climatica entro il 2050. Resta purtroppo – conclude – una situazione complessa e servono soluzioni definitive da parte del Governo nazionale che, ad oggi, ha rotto un patto di fiducia tra stato e tessuto produttivo”.

1 Commento

  1. La responsabilità è esclusivamente in capo al Governo Conte2 del quale faceva parte il PD. E’ vero che fu il M5S a volere il “Superbonus” e la libera cessione dei crediti, ma il PD non si oppose. Così, grazie al Governo giallo-rosso, è stato creato un buco nei conti dello Stato che Conti prima e Draghi poi hanno preferito lasciare in eredità a chi sarebbe venuto dopo. Ma nessuno vuol riconoscere l’errore fatto e anzi gli stessi responsabili hanno il coraggio di criticare aspramente la Meloni che cerca di tamponare le conseguenze di quell’insensato provvedimento legislativo voluto dal M5S con il consenso del PD.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*