Alessandrini (Lega): “Il nuovo modello di Pei mina l’inclusività degli alunni disabili

 
Chiama o scrivi in redazione


Alessandrini (Lega): “Il nuovo modello di Pei mina l’inclusività degli alunni disabili

Alessandrini (Lega): “Il nuovo modello di Pei mina l’inclusività degli alunni disabili

Rimuovere le criticità lasciate dall’Azzolina” “Stiamo raccogliendo le proposte delle famiglie dei disabili, che chiedono a gran voce la modifica del nuovo modello di PEI (piano educativo individualizzato dell’alunno/studente con disabilità) emanato dal precedente ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina. Questo modello, che mina l’inclusività degli alunni con disabilità, è uno degli ultimi regali che la Azzolina ha fatto alle famiglie italiane. Il nuovo modello presenta delle criticità che stiamo lavorando per rimuovere.

© Protetto da Copyright DMCA

Per rendere davvero inclusivo il percorso di studi, è prioritario rivedere almeno tre aspetti del nuovo Pei. Il Concetto di esonero: ogni materia, anche la più ostica, può essere resa accessibile e semplificata, dando così la possibilità a tutti, di fruirne. Il nostro obiettivo è che non venga lasciato indietro nessuno e che nessuno si senta diverso. Assegnazione ore di sostegno: le ore di sostegno vanno quantificate ed assegnate in base ad una certificazione clinica e scientifica, e non sul concetto di “debito di funzionamento”. Tale spersonalizzazione mette in secondo piano l’alunno e le sue peculiarità, vedendo la diversità come un gap da colmare, piuttosto che come un capitale umano e di esperienza, da cui tutti possiamo attingere Ore fuori dalla classe: il nuovo modello di PEI ripropone di fatto il concetto, secondo noi superato, di “aula di sostegno” e di “attività individuali”.

Siamo favorevoli ai laboratori e a tutte quelle attività che vengono svolte fuori dalla classe, ma non è possibile parlare di un vero e proprio tempo scuola individuale, senza la chiara identificazione di uno spazio e di un progetto. Come Lega puntiamo sul principio di autodeterminazione e sull’attiva partecipazione delle famiglie e dello studente con disabilità, nelle decisioni che li riguardano. Avallare questo nuovo modello di Pei, significherebbe fare un balzo all’indietro dal punto di vista culturale, a tal proposito, impegneremo per rimuovere gli ostacoli che minano una concreta e fattiva inclusione”. Così la Sen. Valeria Alessandrini, responsabile Istruzione Lega Umbria e membro della VII° Commissione Istruzione e XI° Commissione Lavoro, a Palazzo Madama.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*