10 milioni di euro di fondi regionali per nuove assunzioni e posti di lavoro

 
Chiama o scrivi in redazione


Gruppo Lega: sanità, sul bilancio applicati principi di trasparenza e verità
Gruppo Lega: sanità, sul bilancio applicati principi di trasparenza e verità

10 milioni di euro di fondi regionali per nuove assunzioni e posti di lavoro

“Esprimo soddisfazione per l’annuncio della presidente Donatella Tesei dei 10 milioni di euro di fondi regionali messi in campo attraverso Gepafin per favorire nuove assunzioni e creare posti di lavoro.

La Giunta regionale continua a sviluppare iniziative efficaci per combattere la crisi post Covid”. Lo dichiara il capogruppo della Lega all’Assemblea legislativa dell’Umbria, Stefano Pastorelli.

“Dopo i sostegni ad aziende e famiglie e i numerosi bandi di intervento sviluppati in questa direzione, grazie al lavoro della presidente Tesei e della Giunta regionale è stato individuato – evidenzia Pastorelli – uno strumento innovativo che andrebbe a coprire il costo della contribuzione per nuove assunzioni (un quarto del costo del lavoro) valido per un periodo di tre anni e riservato ad aziende in grado di investire sul territorio attraverso un piano industriale adeguato in cui sia previsto un incremento dei livelli occupazionali.

LEGGI ANCHE – Interrogazione Fioroni e Pastorelli su aeroporto internazionale dell’Umbria

Tale misura – aggiunge Stefano Pastorelli – permetterebbe di combattere la disoccupazione e potenziare la forza lavoro delle aziende umbre, favorendone la crescita. C’è chi, come il Movimento 5 Stelle, continua a vedere nel reddito di cittadinanza una misura per costruire il futuro del paese e chi invece come la Lega – conclude il capogruppo regionale – continua a lavorare per far crescere il tessuto economico locale attraverso iniziative volte all’introduzione di giovani e disoccupati nel mondo del lavoro e far sì che il loro sia un contributo attivo alla ripartenza della nostra regione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*