Sopralluogo all’ex cinema Turreno degli assegnatari dell’appalto dei servizi di progettazione

Sopralluogo ex cinema Turreno assegnatari appalto servizi progettazione

Sopralluogo all’ex cinema Turreno degli assegnatari dell’appalto dei servizi di progettazione

Si è svolto nel corso della mattinata del 1 ottobre il sopralluogo presso gli ex cinema Turreno e Turrenetta in piazza Danti alla presenza del sindaco, dell’assessore all’urbanistica, dei tecnici comunali e dei rappresentanti del gruppo che si è aggiudicato l’appalto dei servizi di progettazione definitiva, esecutiva e coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e direzione lavori di rifunzionalizzazione, miglioramento sismico e adeguamento normativo della storica struttura perugina.


Fonte: Ufficio stampa Comune di Perugia


In particolare si tratta di un gruppo misto umbro-pugliese con mandatario lo studio di architettura G.L. Sylos Labini e partners di Bari e mandanti Eutecne, Exup, Biobyte (di Ponte San Giovanni e Umbertide) Biagio, Nicola e Mariangela Laurieri, sempre di Bari.

L’immobile di piazza Danti, sede dei due cinema Turreno e Turrenetta, è stato realizzato nel biennio 1890-1891 su disegno dell’architetto Alessandro Arienti. Il nome “Turreno” venne scelto con riferimento ad uno dei “appellativi” storici con cui veniva chiamata Perugia. In epoca medievale, infatti, la città veniva definita “Turrena” per la presenza di numerose torri. Nel 1896 qui si ebbe la prima rappresentazione cinematografica della storia perugina.

Nel corso del sopralluogo sono stati visitati entrambi i cinema, i palchi, le gallerie, i palcoscenici, i sottopalcoscenici, i sotterranei, fino ad arrivare al locale più elevato affascinante, ma non di facile accesso, riservato agli incaricati alle proiezioni.

Tutti i partecipanti all’incontro hanno condiviso la valutazione secondo cui quello in esame rappresenti un progetto affascinante e stimolante, ma anche piuttosto complesso ed impegnativo. La volontà espressa da tutte le parti è quella di garantire la partecipazione, fin dalla fase della progettazione, della città al fine di condividere il volto di quello che sarà il nuovo Turreno-Turrenetta. L’obiettivo dichiarato è di tornare a stupire la città, riscoprendo il fascino del teatro storico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*