Primo passo falso della giunta Romizi su Ikea, dice Renzo Baldoni

Primo passo falso della giunta Romizi su Ikea, dice Renzo Baldoni

Primo passo falso della giunta Romizi su Ikea, dice Renzo Baldoni

La giunta Romizi decide al buio, praticamente rimandando sine vie la risoluzione dei veri e drammatici problemi che decreterebbero la definitiva paralisi di un territorio già martoriato da mille errori urbanistici a pelle di leopardo causati in passato da una sinistra cieca e non lungimirante, da noi sempre aspramente e coerentemente criticata e combattuta.

Leggi anche – Ikea si farà a Collestrada previsti 1000 posti di lavoro, migliora viabilità, quale intervento?

Per salvare il bilancio economico e finanziario dell’ex-ipercoop di collestrada non si può uccidere definitivamente un territorio ed un’area diventata strategica, solo per “onorare” la devastante ed incomprensibile scelta politica di una parte della sinistra regionale e comunale ed, ahimè, anche da una parte del centrodestra che governa la nostra città, con l’ingannevole promessa e falso miraggio di 1000 posti di lavoro.

Questa volta nessun politico si può nascondere dietro un dito. I responsabili “decisionisti” sono tutti noti, ed hanno un nome ed un cognome. Saranno giudicati.

Tutti i giornali e le tv locali hanno riportato in lettere cubitali la notizia “Ikea cosa fatta – la giunta Romizi ha deciso”. Mai una notizia è stata più fuorviante di questa ma che volutamente è stata fatta veicolare fra la gente non informata e distratta.

Quindi, si ribadisce, ancora per l’ennesima volta: Ikea assolutamente si, nel comune di Perugia, ma a Ponte San Giovanni stop e visione studi relativi all’opera prima di ogni pur minima decisione.

Ikea a Collestrada, gruppo Pd Perugia, viabilità o collasso dell'area, Consiglio GrandePrima il piano della mobilità, il piano della viabilità, la valutazione ambientale sulle emissioni delle polveri sottili, la valutazione ambientale su area vasta in considerazione dell’impatto complessivo che gli insediamenti ex Colussi, ex De Megni, ex Margaritelli, ex fornaci Briziarelli (valutazione imprescindibile prima di ogni pur minima decisione), il piano economico finanziario/sociale sulla reale ricaduta occupazionale nell’ambito comunale, zone limitrofe e regionale, il piano di compensazione per il recupero del centro storico ed un progetto su tutti i ripristini e mitigazioni da effettuare senza trascurare una puntuale valutazione paesaggistica. Tutta documentazione presentata in 3 fasi: ante opera, in corso d’opera e post opera. Si evidenzia inoltre la mancanza di possibili opzioni che la legge prevede.

Quali di questi piani sono stati redatti e sottoposti al parere e al giudizio dell’intera popolazione? Quindi concordo che venga convocato un consiglio comunale grande da fare in zona Ponte San Giovanni – Collestrada per ascoltare la voce ed i consigli di tutti. Non è più il tempo che certe scelte strategiche vengano prese da un ristrettissimo numero di persone.

Renzo Baldoni, già  Presidente circoscrizione VIII 1995/1999, già consigliere comunale comune di Perugia 1999/2014, membro del coordinamento di Forza Italia e tesoriere regionale. Dal 1980 residente a Ponte San Giovanni.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*