Amelia, la Comunità Incontro Onlus dona un ecografo polmonare

 
Chiama o scrivi in redazione


Amelia, la Comunità Incontro Onlus dona un ecografo polmonare

Amelia, la Comunità Incontro Onlus dona un ecografo polmonare

di Lucrezia Fioretti

La Comunità Incontro Onlus e l’Associazione Salvadanaio della Salute di Amelia hanno donato un ecografo polmonare al distretto sanitario locale della USL Umbria 2 per i medici USCA. Il dispositivo è destinato agli ambulatori del distretto sanitario di Amelia.

La cerimonia di consegna è avvenuta questa mattina nella sede della Comunità Incontro a Molino Silla.
L’ecografo polmonare donato è uno strumento diagnostico fondamentale, soprattutto nel periodo di pandemia che stiamo vivendo. Consente di identificare tempestivamente le malattie polmonari, così da essere in grado di intervenire in fase di prevenzione.

LEGGI ANCHE – L’evoluzione delle attività del Centro Disabili di Porchiano, Amelia

Nel corso della cerimonia, il direttore generale della Usl Umbria 2 Massimo De Fino e il direttore del distretto di Narni e Amelia Giorgio Sensini hanno ringraziato la Comunità Incontro e all’associazione Salvadanaio della Salute per l’ennesima testimonianza di generosità, impegno e vicinanza agli operatori sanitari e ai servizi territoriali aziendali.

La Comunità Incontro Onlus è da sempre vicino alle autorità sanitarie e contribuisce a garantire assistenza e servizi per la cura delle patologie da dipendenza.

Alla cerimonia di consegna, avvenuta stamani, hanno partecipato, fra gli altri, il direttore della USL Umbria 2 Massimo De Fino, la direttrice sanitaria Simona Bianchi, il direttore del distretto socio sanitario di Amelia Giorgio Sensini, il capostruttura della Comunità Incontro Onlus Giampaolo Nicolasi, il presidente della Comunità Incontro Giuseppe Lorefice e il presidente dell’Associazione Salvadanaio della Salute di Amelia, Alessandro Miliacca.

Presente anche la sindaca di Amelia Laura Pernazza e il personale medico del distretto sanitario locale che ha instancabilmente operato sul campo nei difficili mesi della pandemia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*