Afghanistan, atterrato a Fiumicino aereo con afghani e italiani

Afghanistan, atterrato a Fiumicino aereo con afghani e italiani

Prosegue a Kabul il ponte aereo. È atterrato all’aeroporto di Fiumicino il volo dell’Aeronautica militare con a bordo 86 passeggeri, tra cui alcuni italiani, numerosi ex collaboratori afghani e i loro familiari, personale della delegazione dell’Unione Europea e della Nato, evacuati da Kabul. Prima di lasciare l’aeroporto, tutti sono sottoposti a tampone anti Covid, così come accaduto lo scorso lunedì in occasione dell’arrivo del primo volo dall’Afghanistan. Lo ha reso noto la Farnesina.

“L’impegno è massimo da parte della Difesa per evacuare chi ha collaborato con l’Italia”, ha detto il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. “Il nostro impegno è lavorare col massimo sforzo per completare il piano di evacuazione dei collaboratori afghani, degli attivisti e di chi è esposto al pericolo”, ha aggiunto a pochi minuti dall’atterraggio del volo a Fiumicino.

“Ora lo possiamo chiamare ‘ponte aereo umanitario” per tutti i cittadini afghani che hanno collaborato con l’Italia, ma anche per coloro che hanno bisogno. L’impegno della Difesa è massimo per portare il maggior numero di cittadini afghani in Italia. Faremo di tutto” ha detto Diego Giarrizzo, colonnello dell’esercito in forza comando Operativo del Vertice Interforze (VIDEO).

“La Difesa sta mettendo al massimo tutte le migliori risorse che ha per riportare in Italia il maggior numero di cittadini afghani in Italia. A Kabul abbiamo una task force di evacuazione composta da decine di militari con il compito di individuare queste persone già riconosciute collaboratori dell’Italia e che verranno imbarcati negli aerei militari. Fin quando saremo in grado e le condizioni di sicurezza lo permetteranno, continueremo a portare in Italia cittadini afghani” ha spiegato il colonnello.

Nella giornata di oggi altri due C130J decolleranno dal Kuwait per imbarcare circa altre 150 persone a Kabul, che saranno trasportate in Italia con un KC 767.

La Difesa ha messo in campo per l’operazione Aquila Omnia, pianificata e diretta dal Covi Comando Operativo di Vertice Interforze, comandato dal Generale Luciano Portolano, 7 aerei, 3 KC 767 che si alternano tra l’area di operazione e l’Italia e 4 C130J,

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*