Taglio Tpl: Filt Cgil in consiglio regionale. Maggioranza nega audizione

Tagli al Tpl: sindacati di nuovo in piazza a Perugia. Scendono di nuovo in piazza le lavoratrici e i lavoratori del trasporto pubblico locale

Taglio Tpl: Filt Cgil in consiglio regionale. Maggioranza nega audizione

Ieri, martedì 24 maggio, una delegazione della Filt Cgil dell’Umbria ha manifestato, fuori e dentro il consiglio regionale, la propria convinta contrarietà rispetto ai tagli al trasporto pubblico locale decisi dalla giunta regionale. “Una mannaia da 3.5 milioni di euro – spiegano dalla Filt Cgil – che equivale a più di 2 milioni di chilometri sottratti alla copertura del servizio. Il tutto – continua il sindacato – con inevitabili ricadute occupazionali, disservizi, cittadini lasciati a piedi, in primis pensionati, studenti e lavoratori che probabilmente non sapranno come spostarsi se non col mezzo proprio”.


Ufficio stampa Cgil Umbria


Durante il consiglio regionale, alla richiesta di audizione della delegazione sindacale avanzata dalle minoranze, la maggioranza (ad esclusione del presidente della II commissione Mancini), ha votato contro. “Si è messo il bavaglio alla nostra organizzazione sindacale – denuncia ancora la Filt Cgil – il manovratore evidentemente non vuole essere disturbato e non vuole avere contraddittorio. Peccato, la politica regionale ha perso l’occasione di dimostrare che i cittadini contano, non solo quando c’è da chiedergli il voto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*