Morto imam Perugia: Bori, istituzioni rilancino apertura dialogo

 
Chiama o scrivi in redazione


Morto Mohamad Abdel Qader, cordoglio sindaci, Betti e Romizi

Morto imam Perugia: Bori, istituzioni rilancino apertura dialogo

“In ricordo e nel nome di Abdel Qader le istituzioni umbre rilancino una nuova stagione di apertura verso il dialogo interreligioso e multiculturale”. Lo afferma il capogruppo Pd, Tommaso Bori, che questa mattina, fa sapere, si è recato all’Ospedale di Perugia per “dare l’ultimo saluto all’Imam recentemente scomparso”, e ha auspicato che “la sua eredità morale e il suo portato sociale possano continuare a dare frutti anche in futuro, per rendere l’Umbria una terra ancor più giusta, aperta e inclusiva”.

© Protetto da Copyright DMCA

“L’opera di Qader, personalità di spicco e punto di riferimento del mondo islamico regionale e nazionale, che con generosità ha svolto la sua professione di medico, in prima linea, che lo ha esposto a tutto questo – ricorda Bori -, nel corso degli anni si è inserita nel solco della tradizione storica del multiculturalismo umbro, che ha reso la terra di Capitini e San Francesco, uno dei luoghi simbolo del dialogo e della pace”. “Ogni giorno che passa – aggiunge il capogruppo Dem – l’Umbria assume le sembianze di una società sempre più multiculturale, e proprio per questo, le istituzioni hanno il dovere di valorizzare al meglio questa ricchezza di culture, di colori, di lingue e religioni”.

“Questa è la sfida che attende tutti noi – aggiunge Bori – quella che Quader per primo ha perseguito nella sua vita, con coerenza e generosità, con l’obiettivo di lavorare per costruire una società più inclusiva e ricca di opportunità di crescita e sviluppo per tutti”. “In questo momento così delicato e difficile della storia regionale – sottolinea Bori – in cui gli effetti della crisi sanitaria si stanno risentendo a tutti i livelli, cresce anche l’importanza di favorire occasioni di dialogo e di educazione interculturale, così come la necessità di potenziare le azioni di contrasto all’esclusione e alla discriminazione culturale, economica e sociale”.

“A nome del Gruppo Pd – conclude Tommaso Bori – giungano alla famiglia le più sentite condoglianze; la nostra personale vicinanza va anche alla figlia Sumaya che lo ha recentemente ricordato pubblicamente, consapevoli che continuerà a portare il suo esempio e suoi insegnamenti anche nell’impegnativo ruolo di consigliera del Comune di Milano”.

1 Trackback / Pingback

  1. Morte Francesco Innamorati: tra i padri fondatori della regione

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*