Anci Umbria punta su Europrogettazione: arrivano prime risposte all’avviso

 
Chiama o scrivi in redazione


Anci Umbria punta sull’europrogettazione: arrivano prime risposte all’avviso

Anci Umbria punta su Europrogettazione: arrivano prime risposte all’avviso

Sono già arrivate le prime risposte all’avviso pubblicato da Anci Umbria per la costituzione di un elenco di professionisti e/o enti o società cui attingere per il conferimento di incarichi per l’elaborazione di proposte progettuali a valere sui programmi di finanziamento sopra indicati con l’intento di creare un nucleo dinamico di competenze qualificate, al fine di proporre idee progettuali condivise e partecipate in grado di mettere in atto cambiamenti a livello locale orientati alla costruzione di un’identità comunitaria.

  • L’avviso è ancora aperto e si attendono ulteriori adesioni.

© Protetto da Copyright DMCA

Anci Umbria, infatti, anche su sollecito e richiesta di alcuni Comuni dell’Umbria, punta sull’europrogettazione, come via per sostenere e supportare i Comuni, ma soprattutto come strumento per contribuire a restituire slancio ai Comuni, le cui risorse sono sempre più ridotte, e quindi a rilanciare il tessuto economico di tutta la regione.

L’intento immediato è quello di favorire la partecipazione dei Comuni umbri ai programmi di finanziamento regionali, nazionali ed europei supportando gli Enti locali nella presentazione e implementazione di progetti a valere sui fondi strutturali e di investimento europei (SIE) e sui fondi diretti per il periodo di programmazione in corso e per il periodo 2021-2027, e/o su altri fondi nazionali gestiti da Fondazioni, Associazioni e altri soggetti pubblici e/o privati, al fine di intercettare risorse disponibili e progettare interventi integrati coerenti con le politiche di sviluppo e crescita dei territori.

Anci Umbria vuole essereafferma il segretario generale Silvio Ranieriuna struttura sempre più a sostegno dell’azione dei Comuni, di assistenza tecnica, attraverso la dotazione di nuovi strumenti e opportunità. Riteniamo che l’Europa sia un valido contenitore, da cui attingere contenuti e risorse e lo facciamo non solo attraverso la nostra struttura interna, ma anche selezionando e avvalendoci delle migliori potenzialità presenti sul territorio che, successivamente metteremo a disposizione degli Enti locali”.

Per Ranieri, questo è “un pezzo di un puzzle più ampio dell’azione strategica di Anci, finalizzata alla crescita culturale, economica, sociale e formativa dei Comuni, in attuazione delle future opportunità derivanti, anche indirettamente, dal Recovery Fund e dai 5 obiettivi di policy: un’Europa più intelligente (a smarter Europe); un’Europa più verde e a basse emissioni di carbonio (a greener, low-carbon Europe); un’Europa più connessa (a more connected Europe); un’Europa più sociale (a more social Europe); un’Europa più vicina ai cittadini (a Europe closer to citizens)”.

La domanda deve essere indirizzata e trasmessa ad ANCI Umbria in formato elettronico al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: anciumbria@postacert.umbria.it.

L’avviso nel dettaglio è consultabile sul sito di Anci Umbria: www.anci.umbria.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*