Prima neve sui monti del Parco dei Sibillini, previsioni fino al 28 ottobre

Prima neve sui monti del Parco dei Sibillini, previsioni fino al 28 ottobre
Foto geometeo.it

Prima neve sui monti del Parco dei Sibillini, previsioni fino al 28 ottobre La prima neve dell’inverno 2018 è scesa tra il 21 e il 22 ottobre al confine tra Umbria e Marche, sui monti del Parco dei Sibillini. L’aria fredda giunta nel pomeriggio di ieri ha determinato un sensibile peggioramento del tempo, con piogge diffuse, venti a tratti forti settentrionali ed un sensibile abbassamento delle temperature. Lo comunica il sito geometeo.it . Anche la giornata odierna è iniziata sotto un cielo da parzialmente a molto nuvoloso con ancora fenomeni sparsi più diffusi sulle aree interne e settori centro-meridionali, con fiocchi di neve ancora questa mattina oltre i 1500 metri di quota.

Previsioni del tempo in Italia fornite dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare fino a domenica 28 ottobre

MERCOLEDI’ 24: NORD – addensamenti compatti sulle aree alpine centrali, con precipitazioni sparse, a carattere nevoso sull’ alto-adige al di sopra dei 2200 metri; bel tempo sul restante settentrione.

CENTRO E SARDEGNA: cielo in generale poco nuvoloso o velato su tutto il centro, con al piu’ qualche addensamento piu’ compatto sulla parte occidentale della Sardegna, ma senza fenomeni significativi associati.

SUD E SICILIA: ancora residui addensamenti compatti su bassa Calabria e Sicilia tirrenica, con ancora locali deboli fenomeni, in esaurimento gia’ dalla seconda parte della mattinata; cielo poco nuvoloso o velato sul restante meridione.

TEMPERATURE: minime in aumento su Sicilia, bassa Calabria ed al nord, piu’ marcato su quest’ ultimo, in diminuzione sul resto del paese; massime in sensibile aumento al centro-nord, in aumento, anche se meno marcato anche sul resto del paese.

VENTI: da moderati a forti dai quadranti settentrionali sulle aree alpine, prealpine e sulle aree costiere ioniche; generalmente deboli dai quadranti occidentali sul resto del nord e sulla Sardegna; da deboli a moderati dai quadranti settentrionali sul resto del centro-sud, con particolare attenzione alle aree costiere. MARI: agitato lo Jonio; da molto mosso ad agitato il mare di Sardegna; molto mossi il Canale di Sardegna, lo Stretto di Sicilia e il basso Adriatico; generalmente mossi i restanti mari.

GIOVEDI’ 25: cielo in generale sereno o poco nuvoloso su tutto il paese. Dalla serata atteso un aumento della nuvolosita’ compatta sulle regioni tirreniche centro-settentrionali, e su quelle adriatiche settentrionali, con al piu’ deboli locali fenomeni su Liguria e Friuli Venezia Giulia.

VENERDI’ 26: al mattino molto nuvoloso o coperto al nord, sulle regioni tirreniche centrali, aree interne di Marche, Abruzzo e Molise, Campania e Sicilia centro-meridionale, con rovesci o temporali sparsi associati; ampi spazi di sereno sul resto del paese. Dal pomeriggio graduale diradamento delle nubi compatte sull’ Emilia Romagna e sulla Sardegna, con contestale aumento delle velature.

SABATO 27 E DOMENICA 28: Sabato – ancora addensamenti compatti sulle regioni alpine e prealpine, regioni tirreniche centro-settentrionali peninsulari, Sicilia ed aree costiere ioniche; cono rovesci o temporali da sparsi a diffusi. Dalla serata sensibile intensificazione dei fenomeni al nord-ovest e sulla Sardegna e aumento delle velature sul resto del paese. Nella mattinata di domenica maltempo marcato al centro-nord e cielo parzialmente nuvoloso al sud, con locali deboli rovesci o temporali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*