TERNI, D’ANTONIO: “PREGEVOLE L’INIZIATIVA MICROMONDI”

D'antonio, Scelta Civica
D'antonio, Scelta Civica
D’antonio, Scelta Civica

(umbriajournal.com) TERNI – “L’iniziativa micromondi destinata ai bambini della città di Terni riscute il plauso di Scelta Civica. Questa iniziativa si pone in maniera moderna ed europea rispetto ai bambini e ai loro diritti. Soprattutto verso il diritto al gioco, a fare e sperimentare, a vivere in spazi urbani adeguati e ad avere dei tempi adeguati alla loro età. Se l’obiettivo è promuovere una città accogliente a misura di bambino ma anche delle loro famiglie, sarà necessario aprire un dibattito anche in vista delle prossime elezioni amministrative sui tempi dedicati all’educazione e al lavoro. Assolutamente necessario è ripensare i tempi del sistema educativo comunale almeno per quello che riguarda il ciclo delle elementari. La tendenza ormai consolidata a livello europeo è quella di creare strutture che impegnino i bambini dalle ore 9 alle 17 per 5 giorni alla settimana.

 

Ovviamente le strutture scolastiche vanno ripensate. I vantaggi di questo sistema sono enormi. Queste incidono sui tempi della vita, sulla formazione e sull’educazione dei bambini e conseguentemente sulla vita relazionale e famigliare. l’ingresso alle ore 9 permette una maggiore tranquillità al momento del risveglio e della logistica famigliare. Abbandonare lo stress delle corse contro il tempo il mattino presto, degli ingorghi all’ora di pranzo, della possibilità che il tempo prolungato può dare alla educazione e alla formazione dei bambini. Attività didattiche, sportive e culturali possono essere vissute in un solo ambito senza costringere le famiglie a tour di forza e spostamenti frenetici sul territorio. La possibilità di estendere il servizio mensa a tutti crea una migliore integrazione e socializzazione tra diversi che nei tempi di pausa e di gioco ne usciranno rafforzate. Ovviamente questo deve portare anche ad una nuova ridistribuzione ed ottimizzazione degli orari di lavoro.

E’ notizia di oggi che la Spagna proprio per andare incontro a queste esigenze ha deciso di cambiare fuso orario. Una considerazione finale che esula dalla pregevole iniziativa promossa dall’assessorato alla cultura riguarda il tema citato a margine dell’intervista dell’assessore Guerra riguardante la possibilità del biglietto unico; cascata, caos e carsulae. Ricordo a Guerra che la provincia su mia iniziativa ha deliberato ben tre anni fa questo strumento, che a parità di entrate alla cascata estendeva la possibilità con una cifra minima in più di visitare anche il caos e carsulae. Il tutto a costo zero. Purtroppo per tre anni l’inspiegabile immobilismo del comune non ha permesso a questo strumento di diventare operativo. Ora sembra che questo tema sia tornato di attualità. Meglio tardi che mai”,queste le parole di D’antonio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*