Terni, approvato regolamento comunale transitorio su lavoro agile

Terni, approvato regolamento comunale transitorio su lavoro agile

Terni, approvato regolamento comunale transitorio su lavoro agile

Durante la giunta di questa mattina è stato approvato il regolamento comunale transitorio sul lavoro agile.


Fonte Ufficio Stampa
Comune di Terni


“Una decisione – afferma l’assessore alle risorse umane e organizzazione del comune di Terni Giovanna Scarcia – che, avendo avuto una brusca accelerazione in seguito all’emergenza epidemiologica ed in attesa delle modalità definite dalla contrattazione collettiva nazionale, noi abbiamo scelto sin da subito di regolamentare, prendendo le mosse dai precedenti decreti del Consiglio dei Ministri attraverso i quali le amministrazioni pubbliche sono invitate ad adottare una strategia di gestione del capitale umano e di sviluppo organizzativo, anche mediante il lavoro agile”.

“In quest’ottica – evidenzia l’assessore – abbiamo avuto un proficuo confronto con le organizzazioni sindacali ed abbiamo scelto di introdurre soluzioni che incentivino la produttività e il benessere organizzativo, valorizzando le risorse umane e la capacità di lavorare per progetti e redigendo, quindi, un regolamento dove vengono specificate modalità, condizioni e soluzioni per svolgere al meglio il servizio a vantaggio dei cittadini.

In particolare, in considerazione del fatto che la modalità lavorativa è ormai quella in presenza, si è deciso di limitare il lavoro agile, di norma, ad una sola giornata alla settimana, salvo particolari esigenze di servizio e previa presentazione di un dettagliato progetto che verrà autorizzato dal Dirigente della Direzione di appartenenza e conseguente sottoscrizione di un accordo individuale.”

“Inoltre – si legge nella delibera – questa modalità di lavoro abbraccia anche una politica orientata alla mobilità sostenibile che favorisce la riduzione degli spostamenti casa-lavoro-casa con una sensibile diminuzione del traffico urbano”.

“Contemporaneamente – aggiunge l’assessore – in considerazione del rientro in presenza, stiamo lavorando alla rimodulazione degli spazi a servizio delle varie Direzioni, in modo anche da limitare il più possibile spostamenti di personale assegnato a diverse Direzioni all’interno dello stesso immobile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*