Sistema pubblico e gestione identità digitale, Villa Umbra organizza seminario

Sistema pubblico per la gestione dell'identità digitale e la carta di identità elettronica

Sistema pubblico e gestione identità digitale, Villa Umbra organizza seminario
PERUGIA – Il sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale di cittadini e imprese (SPID), che consentirà l’accesso in rete ai servizi della pubblica amministrazione, sarà martedì 27 marzo, presso Villa Umbra, al centro del seminario organizzato dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica.

Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale

La giornata formativa, intitolata “La cittadinanza digitale: il sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale e la carta di identità elettronica“, sarà incentrata sull’organizzazione e la finalità dei servizi in rete della PA, sull’accesso telematico e sulle carte elettroniche sotto il profilo tecnico e normativo, con particolare attenzione alla protezione dei dati.

L’impegno di Villa Umbra

“L’attuazione dello Spid, dell’anagrafe nazionale residenti, la carta di identità elettronica sono i temi al centro della prossima programmazione formativa della Scuola – afferma l’Amministratore unico, Alberto Naticchioni. Programmazione che si inserisce nel percorso tracciato dalla legge regionale numero 9 del 2014, finalizzata alla promozione dell’innovazione tecnologica, delle competenze digitali, della società dell’informazione e della conoscenza, e che persegue l’indirizzo fissato dall’assessore all’innovazione e agenda digitale della Regione Umbria, Antonio Bartolini. Un percorso di approfondimento, avviato ormai da cinque anni, per sostenere la transizione dall’amministrazione analogica all’amministrazione digitale”.

Amministrazione sempre più digitale

Il sistema SPID è dato da un insieme aperto di soggetti pubblici e privati che, previo accreditamento da parte dell’Agenzia per l’Italia digitale (Agid), gestiscono i servizi di registrazione e di messa a disposizione delle credenziali e degli strumenti di accesso in rete nei riguardi di cittadini e imprese, per conto delle pubbliche amministrazioni. L’accesso in rete alla PA è possibile, oltre che con SPID, mediante la carta d’identità elettronica e la carta nazionale dei servizi, come regolamentato dal Codice dell’amministrazione digitale. La sperimentazione della nuova Carta di Identità Elettronica (CIE) è definita dalla circolare n. 10/2016 del Ministero dell’Interno.

Martedì corso a Villa Umbra con due relatori

Entro il mese di agosto 2018 è previsto il completamento delle attività di installazione delle postazioni di lavoro presso tutti i Comuni italiani, che saranno quindi tutti abilitati ad emettere CIE. Argomenti di stringente attualità che, martedì a Villa Umbra, saranno approfonditi da due relatori: Filomena Floriana Ferrara, specialista nel campo dei progetti digitali innovativi, Technical Project Manager del Team per la Trasformazione Digitale, e Mauro Rapetti, Responsabile Sistemi Informativi e Statistica del Comune di Torgiano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*