Manovra: 600 mln a sostegno occupazione cinema e cultura

 
Chiama o scrivi in redazione


Manovra: 600 mln a sostegno occupazione cinema e cultura
PH venetoeconomia.it

Manovra: 600 mln a sostegno occupazione cinema e cultura

Con la manovra “vengono destinati 600 milioni di euro all’ anno per sostenere l’ occupazione nei settori del cinema e della cultura”. E’ quanto si legge nel comunicato finale di Palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri che ha approvato la legge di Bilancio.

COSI' E' RIPORTATO
Viene finanziata con 1,2 miliardi di euro a regime l’assunzione di 25.000 insegnanti di sostegno e vengono stanziati 1,5 miliardi di euro per l’edilizia scolastica. È previsto un contributo di 500 milioni di euro l’anno per il diritto allo studio e sono stanziati 500 milioni di euro l’anno per il settore universitario. Sono destinati 2,4 miliardi all’edilizia universitaria e ai progetti di ricerca. Vengono inoltre destinati 600 milioni di euro all’anno per sostenere l’occupazione nei settori del cinema e della cultura.

“Continua a crescere l’impegno per turismo e cultura con le misure contenute nella manovra di bilancio”. Cosi’ il ministro per i beni e le attivita’ culturali e per il turismo, Dario Franceschini presenta le principali misure varate stanotte. “Il complesso delle misure decise dal Cdm – si legge nella nota del Mibact – prevede il forte rafforzamento di alcuni investimenti strategici, dalla tutela del patrimonio culturale, al rafforzamento delle misure per il cinema e lo spettacolo dal vivo, agli interventi per le strutture ricettive, le agenzie di viaggio e le tutele per i lavoratori. Le voci del bilancio del Mibact sono caratterizzate da un segno piu’. Da sottolineare: la possibilita’ di spendere il bonus vacanze fino al 30 giugno 2021 (per chi lo avra’ scaricato entro il termine gia’ previsto del 31/12/2020); la proroga al 31/12/2021 del Bonus facciate (il credito di imposta del 90% per le spese sostenute per il restauro e il recupero delle facciate degli edifici); il rafforzamento del cinema e audiovisivo con ulteriori 240 milioni di euro annui sull’apposito Fondo che consentira’ di rendere permanente l’aumento straordinario del tax credit introdotto nel 2020; il potenziamento strutturale del Fus con altri 50 milioni. Con i residui non spesi del Bonus vacanze verra’ finanziato il prolungamento nel 2020 delle misure di sostegno a lavoratori e imprese del settore turismo, che saranno invece coperte nel 2021 con una parte significativa del fondo di 4 miliardi per i settori piu’ colpiti dalle conseguenze dell’epidemia. “Ogni intervento – dichiara il ministro Franceschini- sara’ discusso e concordato con le organizzazioni del settore turismo”. (Rai/ Dire)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*