Manca numero legale abbandono consiglieri maggioranza, chiesto incontro con Squarta

‘Interventi straordinari per fronteggiare gli effetti diretti ed indiretti dell’emergenza Coronavirus

 
Chiama o scrivi in redazione


Manca numero legale abbandono consiglieri maggioranza, chiesto incontro con Squarta

Manca numero legale abbandono consiglieri maggioranza, chiesto incontro con Squarta

Alle 16,40 della seduta odierna che ho dovuto concludere purtroppo anticipatamente i lavori del Comitato per il controllo e la valutazione a causa della mancanza del numero legale, conseguente all’abbandono da parte dei componenti di maggioranza”. È quanto dichiara il presidente del Comitato per il controllo e la valutazione Thomas De Luca (M5S) annunciando di aver inviato “una richiesta formale di incontro al presidente di Palazzo Cesaroni Marco Squarta, nella sua veste di responsabile e garante di tutta l’Assemblea legislativa e dei diritti delle minoranze consiliari, al fine di illustrare i gravi accadimenti di queste ore”.

SINTESI
Il presidente del Comitato per il controllo e la valutazione Thomas De Luca (M5S) annuncia di aver inviato una “richiesta formale” di incontro al presidente di dell’Assemblea legislativa Marco Squarta al fine di “illustrare i gravi accadimenti di queste ore”. De Luca si riferisce a quanto accaduto nel corso dei lavori del Comitato che, spiega “ho dovuto concludere purtroppo anticipatamente per la mancanza del numero legale conseguente all’abbandono da parte dei componenti di maggioranza”. 

“All’ordine del giorno della seduta attuale – spiega De Luca – c’era la verifica degli ‘Interventi straordinari per fronteggiare gli effetti diretti ed indiretti dell’emergenza Coronavirus’ messi in campo dalla Regione. Come di prassi è stato aperto un giro di domande da parte dei componenti nei confronti del Direttore regionale Claudio Dario, audito sul tema. Di fronte alle domande poste da alcuni consiglieri relative l’acquisto di 15mila test sierologici tramite procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando è stata avanzata una richiesta di blocco delle domande. Nel rispetto della trasparenza, della democrazia e della limpidezza delle istituzioni, non ravvisando alcun motivo per censurare tali richieste, ho inteso procedere garantendo a tutti i commissari la libertà di parola e al Direttore il diritto di rispondere. È bene precisare che il direttore stava rispondendo alle stesse domande con la massima tranquillità, disponibilità e precisione”.

“A seguito di ciò – conclude De Luca – è stato fatto mancare il numero legale. Nel ringraziare ancora una volta il direttore Dario per la disponibilità accordata, ho sentito il dovere di scusarmi per l’increscioso accadimento.”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*