Livello di assistenza sui disturbi comportamento alimentare, approvata mozione

 
Chiama o scrivi in redazione


Solidarietà e vicinanza ai lavoratori della Gastronomia Umbra, così il PD
Simona Meloni

Livello di assistenza sui disturbi comportamento alimentare, approvata mozione

L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha approvato all’unanimità la mozione di Simona Meloni (Pd) che impegna la Giunta a “verificare e potenziare il livello di assistenza nel territorio regionale rispetto ai disturbi del comportamento alimentare”. Il documento, ha spiegato MELONI illustrando l’atto in Aula, chiede all’Esecutivo di Palazzo Donini di “verificare il livello di assistenza nel territorio regionale, dei servizi residenziali, semi-residenziali e ambulatoriali che operano nella diagnosi, cura e assistenza dei soggetti affetti da disturbi del comportamento alimentare (Dca).

Implementare e potenziare la rete integrata dei servizi e degli interventi di presa in carico sanitaria e di cura dei disturbi alimentari. Procedere, attraverso le soluzioni previste dalla legge, nel dare risposte immediate al fenomeno di questi disturbi, sempre più in aumento.

Eseguire un lavoro capillare nelle scuole e nella agenzie sportive per quanto riguarda la conoscenza e la prevenzione di questi disturbi, alla luce del fatto che i fattori di rischio, tra cui anche il bullismo, sono diffusi in tutti gli ambienti giovanili e solo un attento lavoro di costruzione di fattori protettivi potrà rallentare la crescita di tale patologia. Questa patologia è la seconda causa di morte tra gli adolescenti dopo gli incidenti stradali.

Una vera e propria epidemia sociale. Il lockdown, con l’isolamento e la dad, ha aggravato il rischio delle ricadute e ha peggiorato le patologie già presenti, oltre a favorire la nascita dei nuovi casi, anche ampliando la fasce di età coinvolte. L’Umbria in questi anni ha fatto molto, abbiamo delle eccellenze. Questa mozione vuole aiutarlo, dando attenzione ad un tema di cui spesso ci si dimentica, ma che è tornato più attuale che mai”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*