Ateneo di Perugia protagonista della Settimana del Cervello-Umbria2020

 
Chiama o scrivi in redazione


Ateneo di Perugia protagonista della Settimana del Cervello-Umbria2020

L’Università degli Studi di Perugia parteciperà alla quinta edizione della Settimana del Cervello-Umbria2020 – Brain Awareness Week, campagna mondiale no profit per la celebrazione del cervello promossa dalla “Dana Alliance for Brain Initiatives”.  

Si svolgerà dal 16 al 21 novembre 2020, in modalità on-line (webinar e dirette Facebook); tutti gli eventi saranno gratuiti e su prenotazione all’indirizzo internet www.umbriasettimanadelcervello.it 

Lunedì 16 novembre 2020 la giornata inaugurale dal titolo “Lo spazio, il tempo, memoria, memorie’’, organizzata in collaborazione con il Prof. Guglielmo Sorci, ordinario di Anatomia Umana del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia.  

L’incontro vedrà la straordinaria partecipazione di Roberto Vittori, astronauta dell’Aeronautica Militare italiana e dell’Agenzia Spaziale Europea, e gli interventi di specialisti nel campo della neuroanatomia e delle abilità cognitive del cervello: ore 14 – Rosario Francesco Donato – “Strutture neuroanatomiche evolute per percepire lo spazio e il tempo e creare memorie”; ore 15.00 –  Lucilla Parnetti – “È possibile rilevare precocemente la comparsa di disturbi della memoria?”; ore 15.30 – Cecilia Guariglia – ”La bussola nel cervello. Orientamento e navigazione ambientale”; ore 16.00 – Alba Naccari – “Temporalità e identità. Il corpo nel processo evolutivo della persona”.  Interverrà inoltre l’astronauta Vittori. 

La giornata è accreditata per gli studenti di diversi corsi di studio dell’ateneo perugino e sono già oltre 1300 le iscrizioni pervenute. Nei giorni a seguire, convegni, seminari, laboratori esperienziali proposti da colleghi professionisti della salute in un’ottica di compartecipazione multi-professionale. 

L’obiettivo della Settimana del Cervello-Umbria2020 – Brain Awareness Week è di far conoscere l’organo a oggi più studiato e meno conosciuto attraverso un calendario internazionale di interventi, open-day, screening, laboratori ed esperienze pratiche interamente gratuiti rivolti a tutta la popolazione e far rendere fruibili tali conoscenze per promuovere delle ‘buone pratiche’ e uno stile di vita sano in un’ottica di prevenzione intergenerazionale. Il tema della prevenzione e della promozione della salute è da sempre il filo conduttore della manifestazione e, in virtù di tali principi, nella sezione ‘Studi Aperti’ si potrà inviare la propria richiesta di consulenza per usufruire di screening cognitivi e consulenze specialistiche gratuite. 

La Brain Awareness Week-Umbria2020 è organizzata e coordinata dalle dottoresse Corinna Bolloni e Majla Trovato, psicologhe e partner ufficiali della Dana Foundation, ente no profit promotore dell’evento a livello mondiale da oltre 20 anni.  

La manifestazione ha ricevuto il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia, del Comune di Perugia e del Comune di Spello. Sostenuta e patrocinata dall’Ordine degli Psicologi dell’Umbria è organizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia e supportata da Umbrò. 

Docenti dell’Università degli Studi di Perugia saranno coinvolti in diversi eventi che si terranno durante la settimana.

Giovedì 19 novembre 2020ore 16.00 “Gli Scacchi: il Gioco, la Mente e l’Apprendimento” organizzato da Nicola Tambasco e Majla Trovato, relatori Nicola Tambasco, Francesco Federico Calemi, Carmelita Di Mauro ed Ettore Bertolini 

venerdì 20 novembreore 10:00 “Costruzione o Ricostruzione della Realtà?” organizzato da Aldo Stella, Stefano Federici, Majla Trovato e Corinna Bolloni, relatori Franco Bonsante, Aldo Stella, Luigi Cimmino, Marta Olivetti Belardinelli e Franco Ivan Nucciarelli 

Inoltre, è frutto di una collaborazione tra docenti dell’ateneo perugino e la scuola secondaria di primo grado “G. Ferraris” di Spello l’evento “A scuola… di cervello” che si terrà giovedì 19 novembre ore 15:00 e che mostrerà i lavori eseguiti dagli alunni della scuola media relativi ad aspetti del funzionamento del cervello. 

Anche l’evento di chiusura, nel pomeriggio di sabato 21 novembre è organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia e sarà dedicato alle “Zone d’ombra della mente”, con l’intervento di docenti universitari di psicologia e specialisti psichiatri che affronteranno gli aspetti alla base della deriva criminale del cervello. Ore 15.00 – Claudia Mazzeschi – “Il Sé nei sé”; ore 15.45 – Caterina Federici – “La seduzione del male: zona d’ombra del bene”; ore 16.15 – Rosella De Leonibus – “Femminicidio e violenza di genere, c’è un lato oscuro tra uomini e donne?”; ore 16.45 – Silvio D’Alessandro, “La capacità di intendere e di volere e la pericolosità sociale dopo la chiusura del manicomio criminale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*