Toglie wi-fi al figlio perché gioca troppo coi videogame, lui chiama la polizia

Il ragazzo aveva anche detto di essere stato picchiato, ma non era vero

Toglie wi-fi al figlio perché gioca troppo coi videogame, lui chiama la polizia
Computermagazine.it

Toglie wi-fi al figlio perché gioca troppo coi videogame, lui chiama la polizia

Ieri pomeriggio, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Spoleto sono intervenuti in un’abitazione dove era stata segnalata una lite tra padre e figlio per questioni legate all’eccessivo utilizzo, da parte di quest’ultimo, dei videogiochi. Erano le 18 circa quando gli operatori della Sala Operativa hanno ricevuto la chiamata di un giovane che ha raccontato loro di aver avuto un acceso diverbio con il padre perché, anziché studiare stava giocando ai videogiochi. Il ragazzo ha poi riferito che il genitore lo avrebbe colpito ad una mano.


Polizia di Stato


Gli agenti del Commissariato, giunti sul posto, hanno costatato che il ragazzo non presentava alcun segno di violenza e, infatti, dopo averlo sentito, questo ha riferito di aver mentito nel raccontare di essere stato colpito dal padre.

Gli operatori, a quel punto, hanno sentito il genitore del ragazzo che ha raccontato di aver richiamato più volte il figlio perché passava troppo tempo a giocare ai videogiochi, trascurando lo studio. L’uomo ha raccontato agli agenti che per far desistere il figlio da quell’abitudine, che lo portava a stare incollato allo schermo fino a notte inoltrata, si era visto costretto a disattivare la linea Wi-fi nelle ore serali. Tuttavia, neanche questo era servito perché, come raccontato dal genitore, il figlio, da vero esperto della telematica, era riuscito ad accedere alla centralina del modem e a riattivare il collegamento internet.

Gli agenti, dopo aver cercato di far comprendere al giovane l’importanza dello studio, che dev’essere comunque intervallato da momenti di svago, lo hanno redarguito a tenere un comportamento più rispettoso nei confronti del padre e a richiedere l’intervento delle Forze dell’ordine. sono in caso di effettivo bisogno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*