Fenomeno di Raynaud, 7 marzo ospedale aperto per la diagnosi precoce


Scrivi in redazione

Fenomeno di Raynaud, 7 marzo ospedale aperto per la diagnosi precoce

Il 7 marzo presso l’Ospedale S. Maria della Misericordia – Reparto di Reumatologia, diretto dal Professor Roberto Gerli, la Lega Italiana Sclerosi Sistemica promuove una giornata dedicata alla diagnosi precoce del fenomeno di Raynaud. Dalle 9 alle 14 medici specialisti, infermieri e volontari saranno a disposizione di coloro che vorranno effettuare gratuitamente un esame diagnostico.

Il fenomeno di Raynaud è una manifestazione abbastanza comune tra la popolazione e visibile ad un rapido sguardo: le dita delle mani e dei piedi diventano prima pallide e poi viola provocando formicolio intenso e dolore. Questo cambiamento di colore è causato da una riduzione del flusso di sangue alle estremità del corpo, può durare da qualche secondo a qualche minuto e si può ripetere più volte di seguito.

In presenza del fenomeno di Raynaud si può eseguire un semplice esame diagnostico la capillaroscopia (o angioscopia percutanea) attraverso il quale è possibile analizzare i vasi capillari. Il quadro capillaroscopico che emergerà dirà chiaramente se è necessario approfondire con ulteriori analisi cliniche la diagnosi di connettivite o se il fenomeno può essere messo in relazione ad altre cause (fenomeni ormonali, da compressione, da malattie della coagulazione, ecc.).

Che cos'è il fenomeno di Raynaud
Il fenomeno di Raynaud (mani fredde e dita prima pallide e poi viola) è una manifestazione abbastanza comune tra la popolazione ed è chiaramente visibile ad un rapido sguardo. Il brusco e improvviso attacco è causato da una riduzione del flusso di sangue alle estremità del corpo (dita di mani e piedi, padiglioni auricolari, punta del naso, palpebre, labbra e punta della lingua) ed è facilmente riconoscibile dal repentino cambio di colore dei polpastrelli che diventano dapprima pallidi e poi arrossati, si può anche manifestare formicolio intenso e dolore. L’attacco può durare da qualche secondo a qualche minuto e si può ripetere più volte di seguito. Indubbiamente il freddo e lo stato emotivo possono stimolare le manifestazioni ma non ne sono la causa primaria. Perché il fenomeno di Raynaud potrebbe es- sere il primo sintomo visibile di una malattia del tessuto connettivo ad esempio Sclerosi Sistemica, Lupus Eritematoso Sistemico, Artrite Reumatoide, Sindrome di Sjögren, Dermatomiosite e Polimiosite. Il fenomeno di Raynaud può precedere di circa 10 anni il conclamarsi della malattia, e si manifesta come primo sintomo (circa 90% dei casi diagnosticati) di Sclerosi Sistemica insieme ad altri sintomo come: • le “dita a salsicciotto” cioè il gonfiore delle dita di mani e piedi che fanno assumere alla pelle l’effetto lucido; • le estremità che hanno spesso la tendenza ad ulcerarsi ovvero a creare piccoli e dolorosi taglietti a lenta cicatrizzazione vicino all’unghia o sul polpastrello a volte sulle labbra; • l’infiammazione delle articolazioni che possono apparire tumefatte, calde e provocare dolore; • la consistenza della cute che diventa rigida e spessa sia a livello del volto sia alle estremità.

Una nuova tappa di Ospedale Aperto a Perugia, apre la celebrazione dei dieci anni di attività della Lega Italiana Sclerosi Sistemica. Dal 2010 l’ Associazione infatti promuove numerose attività di sensibilizzazione volte a incrementare la consapevolezza su una malattia ancora poco conosciuta come la Sclerosi Sistemica e si schiera al fianco di pazienti e familiari che quotidianamente convivono con questa patologia.

“Continuiamo a lavorare perché la Sclerosi Sistemica sia diagnosticata sin dai suoi primi sintomi, tra i quali appunto il fenomeno di Raynaud, perché crediamo che una diagnosi precoce possa agevolare una presa in carico terapeutica in tempi brevi a totale vantaggio delle persone”,  afferma Manuela Aloise, presidente dell’Associazione.

L’evento del prossimo 7 marzo è Patrocinato dalla  Regione Umbria,  Comune di Perugia, Università degli Studi di Perugia, Azienda Ospedaliera di Perugia, Ordine dei Medici di Perugia,  Federfarma Perugia.

È possibile effettuare l’esame capillaroscopico gratuitamente, solo su unghie prive di smalto, previa prenotazione al numero 02 9710 5984, 380 479 4870 o via mail alla segreteria organizzativa eventi@sclerosistemica.info

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*