Umbria ha luoghi per riaprire turismo in sicurezza, lo dice Tesei

 
Chiama o scrivi in redazione


Umbria ha luoghi per riaprire turismo in sicurezza, lo dice Tesei

Umbria come “significativa meta” nell’ambito del sistema turistico nazionale perché “dall’attrattività particolare” e perché “abbiamo le condizioni, i luoghi e i modi per riaprire e in sicurezza”. Lo ha detto la presidente, Donatella Tesei, nell’illustrare “Umbriaperta”, il nuovo pacchetto di interventi per la ripartenza turistica della regione.

“Abbiamo continuato a lavorare in piena pandemia – ha spiegato Tesei – per ragionare e riprogrammare la ripartenza e quest’anno lo abbiamo fatto in modo più incisivo dello scorso. Sono convinta che per l’Umbria gli strumenti messi in campo e la promozione che andremo a fare, per presentarla nella sua unicità ma anche molteplicità di attrattori, possono fare la differenza. Questa potrebbe essere la risposta più efficace alla crisi che ha interessato questi settori a causa della pandemia”.

Tesei ha poi ringraziato il ministro del turismo Massimo Garavaglia, intervenuto in collegamento da Roma alla presentazione del pacchetto di strumenti, per le interlocuzioni già avute e perché “sta dimostrando grande sensibilità e conoscenza della regione”.

“Speriamo – ha proseguito – che nei prossimi giorni possa mantenere anche l’impegno che ha preso di venire in Umbria ad ammirare questo insieme di unicità e bellezze”. “La nostra è una terra ricca di beni culturali e paesaggio, di eccellenze enogastronomiche e anche mistica” ha ancora evidenziato Tesei.

“Ci sono tutta una serie di settori tematici da sviluppare – ha concluso la presidente della Regione -, come quello dei cammini e delle città santuario dedicati al turismo religioso che qui da noi trova una sintesi speciale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*