Sciopero dei trasporti, in tanti al presidio in piazza Italia a Perugia | Video

Sciopero dei trasporti, in tanti al presidio in piazza Italia a Perugia

Sciopero dei trasporti, in tanti al presidio in piazza Italia a Perugia

“I primi dati sulle adesioni allo sciopero del Tpl in Umbria, che si è sommato allo sciopero nazionale dei trasporti, dicono di un’adesione massiccia, a testimonianza della compattezza dei lavoratori umbri contro i tagli imposti dalla Regione che hanno ricadute pesantissime sull’occupazione e sul servizio, i particolare per le fasce più deboli della popolazione”. Sono soddisfatti i sindacati dei trasporti dell’Umbria, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Orsa e Ugl, per la risposta che è arrivata dai lavoratori nel giorno dello sciopero, che in Umbria ha interessato tutti i settori del trasporto (escluso il trasporto aereo che sciopererà venerdì) ed in particolare il Tpl, con 4 ore di stop dalle 17.30 alle 21.30.



Per quanto riguarda Busitalia, i dati (non definitivi, a sciopero ancora in corso) descrivono un’adesione del 90% in provincia di Terni e di circa l’85% in provincia di Perugia, con la stragrande maggioranza del servizi quindi fermi. E a sostegno dello sciopero i sindacati, insieme a un centinaio di lavoratori (ma c’erano anche studenti e semplici utenti allarmati dai tagli) hanno manifestato a Perugia, in piazza Italia, sotto la sede della Regione. “Siamo qui per ribadire che i tagli devono rientrare – hanno spiegato i segretari delle sigle sindacali – e non ci bastano le rassicurazioni, peraltro ambigue, dell’assessore Chianella a mezzo stampa.

Chiediamo l’immediata apertura di un confronto ufficiale con le rappresentanze dei lavoratori e garanzie concrete sul ripristino di tutti i turni, anche perché se finora grazie alle ferie dei lavoratori si è riusciti a gestire la situazione, presto questo non sarà più possibile e c’è il rischio che centinaia di posti di lavoro vengano messi in discussione. In mancanza di risposte concrete la mobilitazione proseguirà con nuove iniziative di sciopero”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*