Sanità, servono almeno 1500 assunzioni, Cgil, Cisl e Uil incalzano la Regione

 
Chiama o scrivi in redazione


Gimbe, le Regioni adempiuto a 75% prestazioni dei Lea

Sanità, servono almeno 1500 assunzioni, Cgil, Cisl e Uil incalzano la Regione

Assunzioni immediate e a tempo indeterminato in sanità per fronteggiare una situazione pandemica “fuori controllo” e fermare la “fuga di professionalità” verso altre regioni investimenti e pianificazione per il sistema del trasporto pubblico locale, che necessità di “risposte concrete da parte della Regioneriapertura, il prima possibile, delle scuole di ogni ordine e grado, con la creazioni di “presidi sanitari interni e l’avvio di un vero tracciamento per personale e studenti”. Sono queste in estrema sintesi secondo Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria, le priorità da affrontare per tentare di uscire dalla situazione di “totale emergenza” nella quale la regione è piombata all’inizio del 2021.

I tre sindacati stamattina in una conferenza stampa hanno riunito le categorie di sanità, scuola e trasporti, per offrire un quadro complessivo della situazione, definita “assolutamente preoccupate” e frutto, secondo Cgil, Cisl e Uil, di una “grave carenza di programmazione da parte della giunta regionale”.
  • Rincorriamo il Covid-19 dall’estate scorsa e sulle 1.550 assunzioni annunciate per il 2021 dalla Regione Umbria non si è fatto nessun passo in avanti hanno sottolineato i tre sindacati che è sanitaria prima di tutto, ma anche economica e sociale.
© Protetto da Copyright DMCA

E deve essere chiaro che se l’Umbria è oggi la regione con i dati peggiori d’Italia non è per colpa del destino cinico e baro, ma della mancanza di quelle risposte che i lavoratori e i sindacati chiedevano da mesi, in termini di investimenti e organizzazione”.

I sindacati hanno definito “gravissime”le carenze palesate in particolare dall’assessorato alla Sanità e la mancanza di un reale coinvolgimento del personale nella programmazione della prevedibile seconda ondata. La carenza di ascolto e confronto è stata evidente anche sul fronte dei trasporti e della scuola.

Nei prossimi giorni sono fissati due tavoli regionali con Cgil, Cisl e Uil: il primo l’11 febbraio sul recovery fund e il secondo il 17 sulla task force contro i licenziamenti. “È chiaro che questi appuntamenti possono essere utili solo se la Regione assume la consapevolezza della necessità di un piano straordinario complessivo, che parta dall’emergenza sanitaria, perché se non si supera quest’ultima, non può esserci alcuna ripresa economica.

Per noi hanno concluso Cgil, Cisl e Uil il confronto non è un fatto formale o rituale di mero riconoscimento, ma l’occasione per dare voce a chi quotidianamente vive nei posti di lavoro l’emergenza e può offrire consigli e soluzioni utili. Non possiamo permetterci di sprecare anche questa occasione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*