Approvato odg su Frecciarossa Umbria e chiarimenti sulle modalità di connessione

Odg su Frecciarossa in Umbria e chiarimenti sulle modalità di connessione dei nostri territori con la rete dell’Alta velocità

Approvato odg su Frecciarossa Umbria e chiarimenti sulle modalità di connessione

Approvato all’unanimità, dal Consiglio comunale, l’odg di una consigliera di maggioranza sul Frecciarossa Umbria, con il quale si impegna l’amministrazione ad attivarsi presso gli enti competenti a livello regionale e nazionale per aprire un tavolo urgente di concertazione che affronti e risolva le modalità di connessione dei nostri territori con la rete dell’Alta velocità, mediante l’istituzione di almeno due coppie di Frecciarossa verso sud e due verso nord; a sollecitare il completamento del raddoppio della linea Spoleto – Foligno e il finanziamento della tratta Spoleto – Terni; a chiedere chiarimenti su tempi, costi e periodo di attivazione del secondo Frecciarossa da/e per Milano, che come annunciato dovrebbe partire dalla stazione di Milano alle 8,40 e far ritorno da Perugia alle 14,00.

Per rompere l’isolamento ormai atavico in cui la Regione è stata relegata per anni è necessario un approccio manageriale alla programmazione e gestione, sia politica che tecnica, del sistema della mobilità. Il Frecciarossa Perugia – Milano costituisce un servizio fondamentale per l’ Umbria, ma non è sufficiente, da solo, per recuperare i gravi ritardi in cui il sistema stesso si trova.

Il lavoro svolto dall’Assessorato alla Cultura e Turismo della Regione Umbria per il rilancio turistico del territorio non può prescindere, adesso più che mai, dall’esistenza di reti infrastrutturali adeguate, che contribuiscano a favorire lo sviluppo economico del nostro territorio. Per cui diventa necessario sollecitare e sostenere ulteriori iniziative che rafforzino i collegamenti da Perugia sia verso sud che verso nord attraverso l’Alta Velocità.

Un consigliere di opposizione si è detto concorde con l’impegno dell’ordine del giorno ritenendo l’alta velocità indispensabile per lo sviluppo e la promozione dell’Umbria. A suo avviso due infrastrutture sono essenziali per la città e la regione: l’Alta velocità e il Nodo di Perugia, con i quali sarà più facile raggiungere Perugia e l’Umbria e quindi avere una circolazione più facile e veloce di merci e persone, che potrà portare, a sua volta, a uno sviluppo economico  del territorio, oggi ancora più importante con gli investimenti del PNRR.

Sempre secondo il consigliere, i miliardi del Recovery Plan libereranno ingenti risorse nazionali che potranno essere utilizzare per ulteriori investimenti e la città deve essere pronta a investire, in considerazione dell’importanza delle infrastrutture per il benessere e la qualità della vita dei perugini.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*