Abbonamenti scolastici e il voucher dimenticato, Peltristo scrive lettera a chi può fare qualcosa

Scuola, linee guida Mit per trasporti pubblici: poche deroghe al metro di distanza

Abbonamenti scolastici e il voucher dimenticato, Peltristo scrive lettera a chi può fare qualcosa

“Siamo a settembre e fra qualche giorno gli studenti torneranno sui banchi di scuola. E’ tempo di abbonamenti, ma ancora oggi nel pagamento del rinnovo del servizio non è possibile usufruire di un voucher per il mancato utilizzo degli stessi nel periodo di chiusura della scuola, quando la didattica si è svolta a distanza”. A scriverlo in una lettera indirizzata ai Parlamentari dell’Umbria, alla presidente della Regione Umbria e al Presidente dell’Anci Umbria è Augusto Peltristo, capogruppo della lista Civica Piegaro, che manifesta le preoccupazioni delle famiglie che stanno sostenendo non solo i costi scolastici, ma anche quelli per il quotidiano spostamento.

“L’anno scolastico appena trascorso – ricorda Peltristo – è stato altalenante: in parte in presenza e in gran parte da casa attraverso le nuove tecnologie. Per questo si chiede che venga percentualizzato questo ultimo periodo e rimborsato alle famiglie degli studenti attraverso un voucher da utilizzare per il nuovo abbonamento. I parlamentari umbri, la stessa Regione e l’Anci Umbria devono farsi interlocutori con il Governo per riuscire a dare una risposta celere alle famiglie che, visto il momento, si trovano in difficoltà”.

Il capogruppo della Civica Piegaro conclude dicendo: “Non dobbiamo dimenticare, infatti, che molti genitori hanno utilizzato ammortizzatori sociali e i lavoratori autonomi, possessori di p.iva, si trovano ancora in difficoltà, a causa delle spese che sono costretti a sostenere in questo periodo di dichiarazione dei redditi. Per non parlare dei contributi previdenziali che in ogni caso devono pagare. Molti di loro sono genitori e non hanno lavorato a causa delle restrizioni causate dalla pandemia covid per molti mesi. Non si può rimanere in silenzio difronte a questa ennesima anomalia e, soprattutto, si chiedono soluzioni nell’immediato”.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*