Pimo Maggio a Terni, Casapaund: “Che c’è da festeggiare?”

OLYMPUS DIGITAL CAMERATerni, 2 Maggio – “Anche quest’anno il primo maggio è stato l’occasione per far festeggiare i soliti noti e per arricchire i soliti sindacati”. Lo afferma Piergiorgio Bonomi, responsabile di CasaPound Terni nonché candidato Sindaco alle prossime elezioni amministrative, commentando l’azione choc che il movimento ha inscenato per le vie del centro: tre manichini impiccati raffiguranti lavoratori  vittime della crisi, ovvero Roberto, un operaio di 45 anni licenziato dall’azienda che ha scelto di delocalizzare la propria sede, Francesca, 39 anni e titolare di un’attività del centro di Terni vittima delle scelte scellerate del comune e del carico di tasse locali e nazionali, e Marco, lavoratore ‘atipico’ a partita Iva in un call-center, venditore precario di contratti telefonici senza fisso, senza contributi e senza speranza.

“Noi invece – aggiunge Bonomi – per questo primo Maggio abbiamo voluto denunciare le condizioni dei lavoratori del centro, vittime della crisi e delle scelte fatte a braccetto da sinistra e centrodestra, giovani che quando va bene si trovano per le mani lavori con le stesse condizioni di fine 800, senza tutele, senza fisso o senza contributi pagati. Decisamente una pagliacciata quindi festeggiare quella che più che una festa ormai, dovrebbe essere un momento di riflessione sul mondo del lavoro; e se ci fermiamo a riflettere, considerando anche il numero crescente di suicidi legati al mondo del lavoro, viene fuori chiaramente il messaggio della nostra azione, un messaggio forte, ma tristemente attuale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*