Nasce il progetto MarsciaOn per uno shopping sempre acceso

 
Chiama o scrivi in redazione


Nasce il progetto MarsciaOn per uno shopping sempre acceso

Nasce il progetto MarsciaOn per uno shopping sempre acceso

Il lavoro ferve in maniera sotterranea da settimane, ma ora tutto è pronto e per il progetto MarsciaOn scatta l’ora X. Da oggi è online la pagina Facebook https://www.facebook.com/MarsciaOn che contiene informazioni e promozioni delle attività commerciali, artigianali e dei servizi di Marsciano, pronte per essere condivise perché possano raggiungere così il maggior numero di possibili clienti, soprattutto in vista delle prossime Festività.

© Protetto da Copyright DMCA

“Il nostro progetto – spiega Sara Marianeschi, presidente di Confcommercio Marsciano e instancabile animatrice di MarsciaOn – trova in questo momento nella pagina Facebook dedicata uno strumento primario di comunicazione, ma è molto più complesso e articolato: il nostro obiettivo è valorizzare in modo permanente la nostra offerta, perché qui lo shopping, come lascia intuire il logo del nostro progetto, sia sempre acceso. Anche a prescindere dal Natale, che comunque è un momento strategico per molte attività e l’evento dal quale vogliamo assolutamente partire.

Noi di Confcommercio ci crediamo molto; ci crede anche l’amministrazione comunale che lo patrocina e il nostro main sponsor Central Energy, un’altra azienda eccellente del nostro territorio.

Abbiamo colto molto entusiasmo tra gli imprenditori di Marsciano, del centro e delle periferie, di tutti i settori, e questo ci sembra un’ottima base da cui ripartire in un momento di così grande difficoltà per tutti noi.

Questa pandemia, oltre ad essere una improvvisa e terribile sciagura sanitaria ed economica – aggiunge la presidente di Confcommercio Marsciano – ci ha insegnato anche molte cose. Una di queste è certamente che da soli non si va da nessuna parte. Così, giorno dopo giorno, è maturata l’idea di dare vita ad un progetto di valorizzazione e rilancio di tutto quanto è in grado di esprimere il nostro territorio, dal punto di vista commerciale, artigianale, dei servizi.

A questa ricognizione, ovviamente, è legata la sensibilizzazione dei nostri concittadini all’acquisto territoriale e soprattutto consapevole. Perché nessuno ignori che quando si effettua un acquisto d’impulso all’altro capo del mondo si contribuisce a far spegnere una vetrina nella propria città. E questo ha tantissime conseguenze non solo economiche: per le imprese, gli addetti, le famiglie direttamente coinvolte, ma anche per la sicurezza e la qualità della vita di tutti.

Sappiamo che il prossimo non sarà un Natale come gli altri ma, secondo l’indagine annuale dell’Ufficio Studi Confcommercio su consumi di Natale e tredicesime, la voglia di reagire alla crisi c’è.

Nonostante la crisi e un calo pesante dei consumi, intorno al 12% rispetto all’anno scorso, le famiglie sembrano voler reagire al lungo periodo di difficoltà e non rinunciare comunque ai regali di Natale.

Ovviamente le tredicesime saranno più leggere, con una forte riduzione di coloro che faranno regali: da quasi l’87% del 2019 a poco più del 74%. Ma chi può, spenderà per i regali una cifra solo un po’ più bassa di quella dello scorso anno (164 euro a testa conto i quasi 170 del 2019).

Noi vogliamo che queste preziose risorse restino sul nostro territorio, che noi fortemente vogliamo acceso e non spento”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*