Vertenza Indesit – Ferma presa di posizione dell’Upi Umbria

indesit_stabilimento(umbriajournal.com) PERUGIA – Delegato dal Presidente dell’Upi Umbria, Marco Vinicio Guasticchi, l’assessore della Provincia di Perugia Luciano Della Vecchia, parteciperà questo pomeriggio alla manifestazione indetta dalla stessa Upi Marche e dai Comuni di Marche e Umbria interessati dalla vertenza Indesit, dopo la rottura delle trattative tra l’azienda e i sindacati consumatasi venerdi scorso. “La vertenza in atto è di carattere nazionale – interviene Guasticchi – e non può essere circoscritta ai territori più strettamente collegati allo stabilimento di Fabriano. L’Upi Umbria è a fianco dei lavoratori tanto più perché le eventuali decisioni della Indesit andrebbero a dare un colpo mortale a un territorio, quello gualdese, già duramente segnato dalla crisi”.

L’assessore Della Vecchia, sempre su delega di Guasticchi, rappresenterà inoltre la Provincia di Perugia mercoledì, 26 giugno a Gualdo Tadino nel Consiglio comunale aperto, in uno dei comuni umbri che più pesantemente subirà gli effetti di un eventuale smantellamento del sito produttivo di Fabriano. “La volontà della proprietà e del management Indesit di delocalizzare all’estero i principali assetti produttivi rappresenta per le regioni di Umbria e Marche e per il territorio dell’Appennino un altro durissimo colpo – dichiara Della Vecchia -.

È necessario respingere con fermezza il piano di delocalizzazione ed esuberi messo in campo da Indesit e l’impegno delle Istituzioni locali e delle forze sociali deve essere unitariamente profuso a difendere questo patrimonio industriale. Va pertanto immediatamente aperta una grande vertenza nazionale – aggiunge Della Vecchia – che chiami il governo e il ministero dello sviluppo economico a mettere in campo ogni intervento utile a fermare la fuga all’estero dell’azienda e il licenziamento di 1425 lavoratori, definendo subito un nuovo progetto industriale che si avvalga di una vera ed attiva politica industriale nazionale. Con questo spirito la Provincia di Perugia richiama ai propri doveri il governo, sollecita responsabilità sociale all’azienda e parteciperà a tutte le manifestazioni a sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori in difesa del loro posto di lavoro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*