Supermercati chiusi domenica, l’esperimento ha funzionato, ora ci vuole la legge

 
Chiama o scrivi in redazione


Coop e Superconti, ok a richiesta Governo buoni spesa per famiglie

Supermercati chiusi domenica, l’esperimento ha funzionato, ora ci vuole la legge

L’esperimento ha funzionato e anche bene. “La chiusura di domenica scorsa della stragrande maggioranza di supermercati e centri commerciali in Umbria non solo ha consentito a lavoratrici e lavoratori di poter stare a casa con le proprie famiglie, ma ha ridotto sensibilmente gli spostamenti delle persone, i contatti sociali e quindi i rischi di contagio.
Esattamente quello che chiede la comunità scientifica“. Ad affermarlo in una nota sono i sindacati Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria, insieme alle rispettive categorie che rappresentano lavoratrici e lavoratori del commercio, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil. “Inoltre – continuano i sindacati – non c’è stato il tanto temuto assalto nei giorni precedenti, a testimonianza del fatto che si può vivere benissimo senza fare spesa spesa e compere la domenica e questo vale anche fuori dall’emergenza”.
Alla luce di tutto questo i sindacati ritengono necessario fare un ulteriore passo avanti e chiedono l’intervento della Regione Umbria per “decretare la chiusura obbligatoria degli esercizi commerciali per la domenica e per le festività infrasettimanali a venire: lunedì di Pasqua, 25 Aprile e Primo Maggio”.
La richiesta è stata inviata ufficialmente con una lettera indirizzata alla presidente della Regione, Donatella Tesei, e all’assessore allo Sviluppo Economico, Michele Fioroni: “Riteniamo che l’emanazione di questo provvedimento sia ora indispensabile per garantire una migliore gestione dei turni e dei carichi di lavoro, dei tempi di rifornimento e degli approvvigionamenti dei punti vendita stessi – vi si legge – oltre al giusto riposo per tutti gli addetti, consentendo anche di procedere ad un’accurata sanificazione degli ambienti di lavoro, difficile da garantire con le attuali aperture”.

“La nostra richiesta è supportata anche dal fatto – concludono i sindacati – che in Umbria è presente una quantità di metrature commerciali rispetto al numero degli abitanti tale da collocarla tra le primissime regioni in Italia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*