Sogesi di nuovo in piazza a rischio circa 200 posti di lavoro

 
Chiama o scrivi in redazione


Sogesi di nuovo in piazza a rischio circa 200 posti di lavoro

Sogesi di nuovo in piazza a rischio circa 200 posti di lavoro

I lavoratori della Sogesi di Cannara sono tornati a protestare, sotto il palazzo della regione a Perugia, questa volta con più forza e più voce. Muniti di lenzuola bianchi, tamburo e megafono hanno fatto sentire tutta la loro rabbia e timore di dover perdere il proprio posto di lavoro dopo oltre 20 anni di attività. I lavoratori della Sogesi di Cannara sono in stato di agitazione da diverso tempo e ogni giorno che passa diventa sempre più difficile per le 200 famiglie umbre.

La Sogesi è una società di gestione servizi integrati di lavanolo e sterilizzazione per la sanità pubblica, privata e per l’industria.

Il motivo della crisi è da ricondursi alla perdita degli appalti nelle strutture sanitarie pubbliche di Umbria e Lazio. Lo stato di agitazione aperto nel sito di Cannara preoccupa le famiglie coinvolte, ma la stessa situazione si sta verificando a Stroncone (Terni) e a Ponte San Giovanni. L’impressione è che sia in atto una progressiva smobilitazione dell’azienda dall’Umbria, puntando su altri luoghi, come Abruzzo ed Emilia Romagna, dove trasferire il lavoro, per poi distribuire la biancheria su piattaforme locali. Il tutto producendo un drastico calo della manodopera da riassorbire e della retribuzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*