Si tratta sul futuro della Tct di Terni, prossimo incontro il 12 gennaio

Si tratta sul futuro della Tct di Terni, prossimo incontro il 12 gennaio

Nessuna ripartenza, cassa garantita ai lavoratori fino al prossimo 29 gennaio, un nuovo incontro in prefettura il prossimo 12 gennaio. Questi i principali elementi emersi dal tavolo che martedì mattina si è tenuto a palazzo Bazzani per sbloccare l’impasse della Tct (Taglio Commercializzazione Tubi) di Terni di Strada di Recentino, che, come noto, ha cessato l’attività il 31 dicembre scorso.

Nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato il Sindaco di Terni, Leonardo Latini, e i rappresentanti delle società T.C.T. s.r.l., Acciai Speciali Terni S.p.A. e Tubificio di Terni s.r.l., le parti coinvolte, con la mediazione del Prefetto, hanno discusso su alcune proposte volte al raggiungimento di una intesa commerciale.

Il Prefetto e il Sindaco hanno sensibilizzato i presenti affinché si cerchi di raggiungere un punto di intesa per concludere quanto prima la vertenza, in modo da salvaguardare i posti di lavoro dei 52 dipendenti della T.C.T.

Terminato l’incontro con i rappresentanti delle suddette aziende, sono stati ricevuti i delegati delle Organizzazioni sindacali Fim Cisl, Fiom Cgil e Fismic, che hanno auspicato una conclusione positiva della vicenda, esprimendo comunque le loro preoccupazioni per le incertezze che stanno vivendo i lavoratori sia del Tubificio che, soprattutto, della T.C.T. che, in questo momento, sono stati collocati in cassa integrazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*