Rinnovato il contratto integrativo alla Barry Callebaut di Perugia

Rinnovato il contratto integrativo alla Barry Callebaut di Perugia

Rinnovato il contratto integrativo alla Barry Callebaut di Perugia

Importante accordo sul contratto integrativo di II livello alla Barry Callebaut di Perugia, azienda multinazionale leader a livello mondiale nella torrefazione di cacao, il sui stabilimento umbro sta acquistando sempre di più un ruolo di fondamentale importanza a livello europeo. “Abbiamo raggiunto un’intesa importante, che non solo porterà un aumento significativo nel premio di risultato da qui al 2025, ma che soprattutto garantirà un’estensione dei diritti per le persone che lavorano in questa importante azienda del nostro territorio”, spiegano in una nota Michele Greco, segretario generale della Flai Cgil Umbria, e Simone Dezi, segretario della Fai Cisl Umbria.

In particolare, l’accordo, sottoscritto anche dalla Rsu di sito, prevede un premio di 2.300 euro per l’anno fiscale 2022/2023, che salirà a 2.440 nell’anno successivo e a 2.550 in quello dopo ancora, con un incremento quindi di circa il 10%.

Accanto a questo importante riconoscimento economico ci sono poi diversi impegni sulla formazione, sugli appalti, su salute e sicurezza (continuando a perseguire l’obiettivo ‘zero infortuni’), sulle pari opportunità (estensione dei diritti per le coppie sposate a tutte le forme di unioni civili e convivenze more uxorio), sull’assistenza ai genitori (ulteriori 8 ore di permesso retribuito) e contro la violenza di genere e il mobbing (con momenti di formazione specifica).

“Siamo soddisfatti del risultato raggiunto – concludono Greco e Dezi – che è il frutto di un sistema di relazioni industriali e sindacali valido e forte, un sistema che garantisce la possibilità per le lavoratrici e i lavoratori di Barry Callebaut di contrattare il miglioramento delle proprie condizioni di lavoro e di reddito”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*