Festival regionale per il Lavoro a Spello arrivano i big del partito e non solo

 
Chiama o scrivi in redazione


Festival regionale per il Lavoro a Spello arrivano i big Pd
lavoro

Festival regionale per il Lavoro a Spello arrivano i big. Prenderà il via il 30 luglio, per chiudersi il 9 agosto, il secondo Festival regionale per il Lavoro organizzato dal Partito Democratico a Spello, nella cornice di Ca’ Rapillo. Il Festival, che si sposa con la 45esima edizione della Festa de l’Unità di <a href=”http://www.comune.spello.pg.it/” target=”_blank”>Spello</a>, “vuole essere l’occasione per provare a dare risposte, partendo dal confronto tra i principali attori coinvolti e approfondendo i nuovi scenari della politica, del rapporto con i cittadini, dell’etica comportamentale, delle relazioni internazionali”. Saranno presenti esponenti politici nazionali e regionali, ministri e parlamentari, figure di primo piano del mondo sindacale, categoriale e associativo territoriale, i lavoratori, che avranno modo di far sentire la propria voce. In un periodo in cui le feste politiche vanno diradandosi e in cui “l’impegno civile e politico dà segni di cedimento – sottolinea il segretario regionale Pd Giacomo Leonelli in conferenza stampa – ritengo assolutamente significativo il fatto che il Pd, in Umbria, rafforzi un programma e un progetto intorno a un tema centrale per il futuro del Paese”. Il Festival del Lavoro, quest’anno alla sua seconda edizione, non può più considerarsi un esperimento.

“Abbiamo voluto alzare il tiro – spiega Leonelli – basta vedere il peso degli argomenti sul tavolo oltre al calibro degli ospiti attesi”, tra i quali il ministro Giuliano Poletti e con l’impegno da parte dei massimi vertici istituzionali e politici del Pd attivi sui temi del lavoro. “In questa festa – ancora il segretario – che si sta sempre di più connotando come un appuntamento di rilievo nazionale, c’è l’idea di un Pd che sta operando scelte importanti, che estendono le tutele e detassano il lavoro e la produzione, dando un segnale di attenzione a trecentosessanta gradi; e c’è l’idea che il Pd ha del lavoro: un tema in cima alla lista delle priorità, declinato in tutte le più puntuali questioni, fino a qualche tempo fa rimaste quasi inesplorate o marginali nei documenti dei partiti, ma che hanno sempre avuto una forte presenza nella vita delle persone”.

Il riferimento è a tematiche come il lavoro femminile, i nuovi rapporti sindacali, l’innovazione, l’Europa. “Il Festival per il lavoro – per il responsabile organizzazione regionale Matteo Burico – è l’esempio di come le feste possono cambiare coniugando tradizione e innovazione. Il nostro impegno è quello di fare della Festa, dedicata a chi il lavoro non ce l’ha, un momento di riflessione, utile a capire i meccanismi, le opportunità, capace, perché no, di ridare speranza”. “Siamo partiti per scherzo – sottolinea la responsabile Lavoro del Pd Umbria Serena Santagata – e abbiamo costruito una manifestazione di successo, per pubblico e partecipazione. Quest’anno abbiamo messo in piedi iniziative di grande richiamo, un programma di valore e di forti contenuti” che guarda al tema dei diritti, dell’Europa, dell’economia, del rapporto tra cittadini e politica. Fondamentale – per Santagata – il supporto del Pd di Spello, dei militanti e simpatizzanti che si sono messi a disposizione per la costruzione dell’evento. Parlano di grande entusiasmo del partito cittadino Antonio Luna, segretario locale e Enzo Fastellini, il responsabile della Festa. “La Festa deve essere un momento di riflessione e approfondimento – dice Luna – e con il Festival per il Lavoro il Pd contribuisce a ricostruire un uditorio motivato e dimostra attenzione a un tema centrale per il Paese grazie anche all’impegno di un circolo di medie dimensioni come il nostro”. “Abbiamo riscontrato un grande entusiasmo – assicura Fastellini – ringiovanito e rinfrescato e abbiamo raccolto il supporto anche di simpatizzanti non iscritti”, segno della capacità di apertura che ha la Festa rispetto alla società.

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Download

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*