Acqua Sangemini, martedì 11 2020 ore 15,30 incontro regione-sindacati

 
Chiama o scrivi in redazione


Vertice su vicenda Sangemini, ridare ad azienda prospettiva industriale

Acqua Sangemini, martedì 11 2020 ore 15,30 incontro regione-sindacati

“L’attenzione alle prospettive degli stabilimenti umbri del gruppo Acque Minerali d’Italia formeranno oggetto di un confronto con le organizzazioni sindacali convocato dalla Regione Umbria per martedì 11 alle ore 15,30”. Lo annunciato l’assessore Michele Fioroni che ha confermato la massima attenzione della Regione sul futuro e sulle prospettive industriali dell’azienda.

“Congiuntamente con l’assessore Morroni – ha proseguito Fioroni – abbiamo convocato questo incontro da diversi giorni, su richiesta delle organizzazioni sindacali, proprio per avere un quadro della situazione dal punto di vita dei lavoratori di un’azienda, oggi inserita in un gruppo nazionale come Acque Minerali d’Italia, che riteniamo rappresenti un assett industriale e di sviluppo fondamentale per quel territorio”.

1 Commento

  1. Sono un lavoratore della Sangemini stufo di vedere sempre lo stesso scenario che si ripete ogni 5-6 anni con la complicità della politica e del sindacato. Sono circa 20 anni che lavoro in questa fabbrica dove le proprietà che si sono succedute non hanno fatto altro che ripulire e rubare soldi a discapito dei lavoratori. Certo è, che quest’ultima proprietà peggio di così non poteva fare! Ha mandato a casa circa trenta persone appena insediata; ha rubato il mercato dell’acqua che prima era del marchio FABIA col proprio marchio NORDA; ha smantellato un intero reparto di produzione; ha rovinato, cambiando posizionamento sul mercato, il marchio Sangemini; ha tolto circa 3500 euro annue dalle tasche dei lavoratori; ha aperto prima la Cassa integrazione ordinaria; ha aperto poi la Cassa integrazione straordinaria, circa un anno fa con la scusa di un investimento di 20 milioni di euro spariti non si sa dove! Tutto questo sotto gli occhi attenti della regione Umbria e dei sindacati.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*