Area di crisi, Merloni JP spa, richiesto incontro urgente al ministero dello sviluppo economico

 
Chiama o scrivi in redazione


Area di crisi, Merloni JP spa, richiesto incontro urgente al ministero dello sviluppo economico

Area di crisi, Merloni JP spa, richiesto incontro urgente al ministero dello sviluppo economico

“Apprendiamo con sconcerto dalla stampa che la JP Industries avrebbe annunciato una procedura di mobilità per 584 lavoratori occupati tra Marche ed Umbria. In accordo con la sottosegretaria Todde convocheremo al Mise il tavolo di crisi per la prima metà di settembre. Non abbandoneremo di certo quei lavoratori”. Lo annuncia Alessia Morani (Pd), sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo economico.

La Regione Umbria ha richiesto un incontro urgente al Ministero dello Sviluppo Economico concernente l’Area di crisi “A.Merloni – J.P. Spa”. Lo comunica l’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Umbria, Michele Fioroni.

La “A.Merloni Spa” rappresenta da alcuni anni una della crisi industriali più rilevanti in Italia, sia in termini occupazionali, sia per le drammatiche ricadute che ha determinato e rischia ulteriormente di determinare sul tessuto economico e sociale di un ampio territorio ricompreso fra l’Umbria e le Marche.

Michele Fioroni
  “Gli sviluppi recenti con il ritiro da parte dell’azienda della procedura concordataria – dichiara l’Assessore Fioroni –  e l’aperura della liquidazione, hanno generato gravi preoccupazioni ed allarme tra le comunità locali, nella consapevolezza che ciò comporterebbe oltre ad inaccettabili sacrifici occupazionali, un indebolimento irreparabile dell’apparato produttivo dei territori.

Sentite dunque le Amministrazioni Comunali, abbiamo ritenuto necessario ed improrogabile – sottolinea – un incontro con il Ministero dello Sviluppo Economico che consenta di acquisire un quadro di informazioni aggiornato che, tenendo conto degli strumenti di politica industriale disponibili, consenta di avviare un percorso in grado di dare positiva soluzione alla vicenda”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*