Violenta rissa legata allo spaccio nel centro di Perugia: due feriti in ospedale

Violenta aggressione in strada nella zona di piazza Grimana e corso Garibaldi

Violenta rissa legata allo spaccio nel centro di Perugia: due feriti in ospedale

Nel pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia si sono presentate due persone con evidenti segni di ferite al volto e alle gambe. Secondo il referto del personale medico, entrambi hanno riferito di essere stati aggrediti. Le prognosi non sono gravi, almeno per questa volta sembra che non siano stati utilizzati coltelli o bottiglie. Tuttavia, sorgono sospetti che i due siano stati vittime di una violenta disputa nel contesto dello spaccio di droga. A raccontare l’episodio è il Messaggero dell’Umbria di oggi.

Gli elementi che supportano questa ipotesi includono l’orario notturno dell’aggressione e il fatto che sia avvenuta in strada, precisamente nella zona compresa tra piazza Grimana e corso Garibaldi. Purtroppo, in questa zona non sono insoliti i conflitti legati allo spaccio.

I due aggressori, secondo quanto riferito in ospedale, sono stati identificati come tunisini di 28 e 43 anni. Le loro prognosi relativamente basse non superano il limite minimo di 40 giorni necessario per avviare un’indagine da parte delle forze dell’ordine. Di conseguenza, dopo le cure necessarie, entrambi hanno lasciato l’ospedale.

Tuttavia, il sospetto che si tratti di un’altra violenta battaglia legata alla droga o al controllo di uno dei punti critici storicamente noti per questo motivo è abbastanza concreto. Inoltre, vi sono segnalazioni che negli ultimi tempi alcuni spacciatori abbiano migrato verso alcune zone del centro, cercando di allentare la pressione delle forze dell’ordine che si è concentrata a lungo nella zona di Fontivegge.

Questa ipotesi, se confermata, potrebbe anche spiegare il ripresentarsi di eventi come violenti scontri con coltellate che hanno attirato l’attenzione nelle ultime due settimane, sia nel centro che nella zona della stazione. La questura ha disposto controlli specifici ad alto impatto dopo una riunione tecnica di coordinamento tenutasi in prefettura lo scorso fine settimana.

Tali controlli straordinari del territorio erano finalizzati alla repressione di recenti episodi delittuosi registrati a Perugia e miravano a prevenire e contrastare la microcriminalità, i reati contro il patrimonio, l’immigrazione clandestina, lo spaccio di stupefacenti e le aggressioni.

Una task force composta da polizia, carabinieri, finanzieri e agenti della polizia locale ha effettuato posti di controllo e verifiche sia nel centro che nella zona della stazione, identificando diverse persone. Eventi come l’aggressione avvenuta in piazza Grimana evidenziano l’importanza e la necessità di tali interventi da parte delle autorità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*