Vende farmaco ad azione stupefacente senza registrarlo, denunciata farmacista

 
Chiama o scrivi in redazione


Sanità, giunta approva piano per recupero prestazioni sospese o ridotte

Vende farmaco ad azione stupefacente senza registrarlo, denunciata farmacista

Il NAS di Perugia ha deferito una farmacista all’Autorità Giudiziaria. Nel corso di un monitoraggio finalizzato a verificare l’indisponibilità di medicinali per uso umano, infatti, i militari hanno accertato che l’indagata aveva dispensato 5 fiale di un medicinale ad azione stupefacente senza registrarlo sul previsto registro di carico/scarico.

© Protetto da Copyright DMCA

Il NAS di Parma ha segnalato alla locale Procura della Repubblica un medico di medicina generale e suo figlio, titolare di una farmacia sita nella provincia parmense. L’attività investigativa dei Carabinieri ha accertato che il medico era solito prescrivere ai propri pazienti alcuni farmaci individuando, arbitrariamente, la farmacia del figlio per la dispensazione degli stessi, assicurandogli quindi un ingiusto vantaggio economico.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Firenze, a seguito di una segnalazione del locale NAS, ha emesso un avviso di conclusione delle indagini preliminari e le contestuali informazioni di garanzia nei confronti del titolare di una farmacia toscana e di una dipendente. Gli indagati sono entrambi accusati di aver venduto dei farmaci scaduti di validità.

Il Nucleo CC Aifa, a conclusione di un’attività di monitoraggio del web, ha deferito alle competenti Autorità Giudiziarie 7 farmacisti, accusati di aver venduto online dei medicinali soggetti a prescrizione medica. I NAS rammentano che le farmacie autorizzate alla vendita on-line possono vendere esclusivamente farmaci non soggetti a prescrizione medica.

Il NAS di Treviso, infine, ha eseguito degli accertamenti presso una farmacia sita in provincia di Venezia. Nel corso del controllo i militari hanno sequestrato amministrativamente 160 confezioni di varie specialità medicinali in quanto prive di fustella. La direttrice della farmacia è stata altresì sanzionata in quanto i locali dell’attività commerciale versavano in carenti condizioni igienico sanitarie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*