Un sabato “arancione”, in centro a Perugia Forze dell’Ordine in azione 📸 FOTO

 
Chiama o scrivi in redazione


Un sabato “arancione”, in centro a Perugia Forze dell’Ordine in azione

Ultima passeggiata in un centro quasi deserto e poi via a casa che alle 22 scatta il coprifuoco. Gruppi di ragazzi, coppie o singole persone erano in centro storico a Perugia in una serata a tratti rumorosa a tratti silenziosa con le forze dell’ordine che, sotto la pioggia, vigilavano l’area.

Polizia di Stato, Polizia locale, Carabinieri e Guardia Finanza, infatti, hanno presidiato con le loro pattuglie buona parte del centro storico. La loro presenza invitava ad andare via, ma non tutti lo hanno fatto subito. Qualcuno ad alta voce diceva: “Oh ragazzi se ne stanno andando”.

Scalinate del Duomo di San Lorenzo e di Palazzo dei Priori transennate, logge di Braccio chiuse. L’interforze, voluta del Questore di Perugia, d’accordo con il sindaco della città, è rimasta lì fino a quando il centro non si è svuotato. La pioggia ha fatto allontanare diverse persone, ma alcuni con gli ombrelli a portata di mano hanno continuato a passeggiare come se nulla fosse.

Tutti con mascherina, qualcuno anche no. La distanza di sicurezza per alcuni giovani è un optional. I bar, pub e ristoranti erano aperti, ma con serrande abbassate. Lavorano all’interno con consegne a domicilio o cibi e bevande da asporto, ma solo fino alle 22. Così come previsto dalle misure restrittive in tutte le regioni di livello arancione.

A fare da cornice in tutto questo c’era la fontana Maggiore che era stata illuminata di blu in occasione delle giornata mondiale del Diabete.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*