Trasferiti a Firenze i fratellini investiti da auto a Città di Castello

 
Chiama o scrivi in redazione


Trasferiti a Firenze i fratellini investiti da auto a Città di Castello

I due fratellini feriti, di un anno e mezzo e di tre anni, dopo l’incidente sono stati trasferiti in elisoccorso a Firenze. I piccoli si trovano ricoverati al Meyer di Firenze dopo che il passeggino nel quale si trovavano è stato investito da un’auto, a Città di Castello mentre erano insieme alla loro mamma che stava attraversando la strada sulle strisce pedonali. Lo scontro è avvenuto attorno alle ore 10,30.

La donna è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale tifernate. L’incidente è accaduto ieri mattina lungo viale Europa, nei pressi dell’intersezione con via Bartali, alle porte della città.

Un sessantenne tifernate – da una prima e sommaria ricostruzione – transitava nei pressi dell’incrocio a bordo di una Ford Kia in direzione viale Morandi – che – secondo indagini – sarebbe passato con il rosso travolgendo la donna che stava attraversando la strada, da sinistra a destra sulle apposite strisce pedonali, con il passeggino biposto all’interno del quale si trovavano i due figli.

La donna sbalzata sul cofano dell’auto mentre il passeggino con i due piccoli sarebbe stato scaraventato a 30 metri circa dal punto dell’impatto. Non si esclude che l’uomo al volante dell’utilitaria possa aver accusato un malore e perso il controllo della sua auto, ma sulla dinamica esatta sono in corso delicate indagini.

Sul posto per le indagini e i soccorsi sono giunti due squadre del distaccamento dei vigili del fuoco tifernati, gli agenti della polizia municipale e i sanitari del 118 che hanno trasportato la mamma e i bambini all’ospedale di Città di Castello.

Ai due piccoli erano state prestate le prime cure dal personale del pronto soccorso, della Pediatria, della Chirurgia e dell’Anestesia e Rianimazione per politraumi. Una volta stabilizzati, sono stati trasferiti a Firenze per un miglior trattamento delle fratture.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*