Teme che la cognata sia in difficolta e chiama i soccorsi, ma dormiva profondamente

Teme che la cognata sia in difficolta e chiama i soccorsi, ma dormiva profondamente

Teme che la cognata sia in difficolta e chiama i soccorsi, ma dormiva profondamente

Ieri sera, a seguito di chiamata al Numero Unico di Emergenza, gli agenti della Polizia di Stato di Perugia sono intervenuti all’interno di un’abitazione del Capoluogo per prestare soccorso ad una cittadina straniera che, nonostante i numerosi tentativi, non rispondeva alle chiamate della cognata.

Era stata quest’ultima che, avendo più volte provato a citofonare e a bussare alla porta dell’appartamento senza ottenere risposta, si era preoccupata dello stato di salute della donna e aveva chiesto l’intervento dei soccorsi.

Giunti sul posto, oltre alla richiedente, gli agenti hanno trovato il personale del 118 e gli operatori dei Vigili del Fuoco, che hanno informato i poliziotti della chiusura dall’interno del portone d’ingresso.

Dopo aver forzato la serratura, i Vigili del Fuovo sono riusciti ad aprire il portone e ad entrare nell’appartamento, consentendo ai sanitari e agli agenti di prestare soccorso alla signora che è stata trovata mentre era intenta a dormire profondamente.

A quel punto, gli agenti la hanno identificata, dopodiché, anche alla luce di un recente intervento a cui era stata sottoposta, la hanno affidata alle cure del personale del 118.

Passato lo spavento, la donna ha ringraziato tutto il personale intervenuto per la professionalità e la sensibilità dimostrata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*