Straniero arrestato, doveva starsene fuori dall’Italia per 5 anni e invece

E' risultato avere a proprio carico vari precedenti per violenza sessuale e un arresto per furto in flagranza di reato

Straniero arrestato, doveva starsene fuori dall'Italia per 5 anni e invece

Straniero arrestato, doveva starsene fuori dall’Italia per 5 anni e invece

Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio, disposti dal Questore della provincia di Perugia, finalizzati a prevenire i reati predatori, lo spaccio di stupefacenti, i furti e gli scippi durante le festività, gli agenti della Polizia di Stato hanno arrestato un cittadino straniero, inottemperante al decreto del Prefetto con cui era stato disposto il suo allontanamento dal territorio nazionale per motivi di ordine pubblico.

L’uomo, classe 1993, è stato fermato dagli operatori della Squadra Volante mentre molestava alcuni cittadini intenti a effettuare il pagamento presso le casse automatiche del parcheggio di via Ripa di Meana a Perugia.

Avvicinato e identificato dagli agenti, il 29enne è risultato avere a proprio carico vari precedenti per violenza sessuale e un arresto per furto in flagranza di reato. Da un ulteriore approfondimento è emerso che l’uomo era anche destinatario di un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale per motivi di ordine pubblico, emesso dal Prefetto di Perugia lo scorso agosto.

Non poteva fare ingresso nel territorio italiano prima di 5 anni

Il giovane è stato accompagnato in Questura per gli accertamenti di rito che hanno permesso di rilevare che il provvedimento era ancora in atto e che il 29enne non poteva fare ingresso nel territorio italiano prima di 5 anni dal suo effettivo allontanamento dallo Stato, avvenuto nel mese di settembre.

Per questo motivo, l’uomo è stato arrestato e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il 29enne rischia fino ad un anno di reclusione con accompagnamento immediato alla frontiera.

Sempre nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno fermato, in Piazza Vittorio Veneto, un 35enne tunisino, noto agli operatori per i suoi precedenti per spaccio di stupefacenti.

Aveva con sé anche droga

Sottoposto a controllo è stato trovato in possesso di alcune dosi di hashish e di una somma di denaro contante di cui non è riuscito a giustificare la provenienza.

Due ordini di esecuzione di carcerazione con decreto di sospensione

Dopo averlo accompagnato in Questura per l’identificazione e le verifiche di rito, al 35enne sono stati notificati due provvedimenti, emessi dalla Procura della Repubblica – Ufficio Esecuzioni Penali – relativi a due ordini di esecuzione di carcerazione con decreto di sospensione.

Al termine delle attività, l’uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*