Ladro folle semina panico per Terni, scippa, manda in ospedale, morde e picchia, arrestato


Scrivi in redazione

Ladro folle semina panico per Terni, scippa, manda in ospedale, morde e picchia

Ladro folle semina panico per Terni, scippa, manda in ospedale, morde e picchia Possiamo sicuramente definirlo un giorno di ordinaria follia quello che ha visto coinvolto un 50enne ternano, con un precedente penale per furto aggravato, che domenica scorsa si è reso responsabile di due rapine aggravate, una tentata rapina e lesioni aggravate. I fatti: verso mezzogiorno arriva una telefonata al 113 dove dei testimoni riferiscono che un’anziana donna, di 91 anni, è stata rapinata in Lungonera Savoia: un uomo in bicicletta, per scipparle la borsa, contenente 15 euro, l’ha trascinata per alcuni metri facendola finire al Pronto Soccorso dove verrà curata per contusioni multiple e per un forte stato di shock con una prognosi di 20 giorni salvo complicazioni.

Poco più tardi, mentre le auto e le moto della Polizia di Stato stanno dando la caccia all’uomo, arriva un’altra telefonata dai proprietari di un negozio di fiori, che hanno appena subito una rapina – 30 euro – da un uomo che corrisponde alla descrizione data dalla signora rapinata e dai testimoni.

LEGGI ANCHE: Catturato e rimandato a casa scippatore tunisino, fugge in Austria dopo sei arresti, fuori dall’Italia

Alle 13.15, arriva una segnalazione da via Dell’Ospedale dove un uomo, sempre in bicicletta, ha tentato di rubare il cellulare ad un ragazzo che camminava in strada con la madre. I due hanno opposto resistenza e l’uomo li ha colpiti e presi a morsi (la mamma ne avrà per 7 giorni e il ragazzo per 10). Poco dopo, in Corso Vecchio, davanti ad un distributore di bevande automatiche, che stava prendendo a calci, l’uomo è stato accerchiato dagli agenti ed immobilizzato. Non ha opposto resistenza, indosso aveva le somme di denaro rapinate poco prima.

E’ stato arrestato, e sentito il Pubblico Ministero di turno, la dr.ssa Barbara Mazzullo, portato in carcere, dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*