Salvato un biker dal Sasu dell’Umbria grazie al sms locator

Una volta localizzato, l’uomo è stato raggiunto da tre squadre del SASU provenienti da Terni, Orvieto e Perugia

 
Chiama o scrivi in redazione


Salvato un biker dal Sasu dell’Umbria grazie al sms locator

Poco dopo le 15:00 di oggi, i Carabinieri di Orvieto hanno allertato il Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU) per individuare e soccorrere un biker infortunatosi in un’aria molto impervia in località Trinaccio nel Comune di Allerona. L’uomo – S.M. 56 anni di Orvieto – ha dato l’allarme al 112 che ha girato il numero telefonico del chiamante al SASU che, a sua volta, ha attivato la procedura di geolocalizzazione.

La Centrale Operativa Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico – in funzione h24 ogni giorno tutto l’anno – ha inviato al disperso un sms con un link che, aperto, ha segnalato la loro posizione (trovandosi in un luogo particolarmente impervio e ricco di vegetazione) che è stata immediatamente indicata al SASU.

  • Una volta localizzato, l’uomo è stato raggiunto da tre squadre del SASU provenienti da Terni, Orvieto e Perugia.

Sul posto anche l’elisoccorso del 118 Icaro02 di base a Fabriano con a bordo un medico anestesista rianimatore, un infermiere ed un tecnico di elisoccorso del soccorso alpino e speleologico.
Effettuati gli accertamenti del caso, gli operatori del Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU), vista la difficoltà di recuperare l’uomo con l’elicottero trovandosi in una zona molto impervia circondata da una fittissima vegetazione, hanno imbarellato l’uomo sulla speciale barella portantina in dotazione al SASU e trasportato, mediante tecniche alpinistiche, fino al punto di rendez-vous con l’elicottero.

  • L’intervento si è concluso in poco tempo grazie all’app georesq che consente tempestivamente di individuare dispersi e persone che necessitano di soccorso in aree impervie.

Ancora una volta, grazie al “sms locator”, dispositivo di geolocalizzazione che consente di individuare esattamente e immediatamente la posizione dell’infortunato, è stato possibile intervenire con tempestività nella ricerca e recupero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*