Perugia, Polizia e Vigili Urbani mettono in sicurezza due edifici occupati abusivamente

Polizia controlli (3)Nelle scorse settimane, Polizia e Vigili Urbani avevano ricevuto alcune segnalazioni di accessi indebiti presso una ex rimessa Gesenu in Piazza Fonti di Veggio e un edificio diroccato in Via Pompili. Nel primo caso, peraltro, il proprietario dello stabile aveva presentato solo pochi giorni fa una denuncia di occupazione abusiva. Così, nella prima mattinata del 2 aprile, le forze di Polizia si sono recate in Piazza Fonti di Veggio. Qui, una volta entrati nell’edificio, non hanno rinvenuto persone, ma hanno constatato segni inequivocabili di presenze umane, tra cui due vecchi materassi, nonché una certa quantità di immondizia, per lo più consistente in bottiglie di vetro e plastica e resti di generi alimentari. Il tutto è avvenuto in presenza del proprietario, il quale ha preso atto della necessità di proteggere la struttura in modo più efficace da accessi abusivi. In questo senso, gli operatori di Polizia e Vigili Urbani hanno evidenziato l’urgenza di installare una più alta recinzione a tutela del lato dell’edificio confinante con il parco della Pescaia, in quanto probabilmente è quello il punto oggetto di indebito scavalcamento. Una situazione più grave è invece quella palesatasi nello stabile di Via Pompili. Qui infatti, l’impressionante quantità di immondizia rinvenuta, che praticamente non risparmia nessuno dei numerosi vani dell’edificio, fa pensare che la struttura sia attualmente, o almeno sia stata recentemente, oggetto di occupazione abusiva da parte di un numero consistente di persone. Del resto, alcuni residenti della zona hanno lamentato la frequente invasione dell’edificio da parte di giovani nordafricani. Pertanto, Polizia e Vigili Urbani hanno intimato al proprietario di procedere ad una rapida e consistente bonifica dell’edificio, oltre che ai lavori di muratura necessari a chiudere un’apertura artificiosamente creata nella parte posteriore dello stesso.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*