PERUGIA, PICCHIA CONTROLLORE BIGLIETTI, ARRESTATO VIAGGIATORE

Rapina alla filiale Unicredit di Ponte Felcino, bottino di 100 mila euro
Comando di via Ruggia
Comando di via Ruggia
Comando di via Ruggia

E’ un  tardo  pomeriggio  di  un  anonimo  giorno  di  fine  ottobre  allorquando  in  località  Ponte  Rio  di  Perugia  il  conducente  di  un  autobus  della  linea  APM  all’improvviso  arresta   la   marcia   del  veicolo  condotto  per   consentire  l’ingresso  in   vettura  di  due  agenti  accertatori  della  regolarità  dei  titoli  di  viaggio, riprendendo successivamente il tragitto.

Iniziano  le  operazioni  di  controllo  dei  biglietti  e  tutti  i  passeggeri  esibiscono  ai  controllori  i  rispettivi  ticket,  tutti  tranne  uno.  Infatti,  alla classica  affermazione  “Prego  favorisca  il  biglietto”,   l’uomo  riferisce  di  non  averlo  affatto.  Prontamente  scattano  le  procedure  per  la  contestazione  dell’infrazione  ma  all’ulteriore  richiesta di esibizione del proprio documento identificativo  necessario  per  redigere il verbale,  l’uomo  reagisce e spintona violentemente uno dei due controllori  il quale, dopo aver perso l’equilibrio, cadendo in terra sbatte con la schiena contro uno dei sostegni in ferro presenti in vettura destinati a sorreggere i passeggeri durante il viaggio.

E’  panico  generale;  il  clima diventa acceso e gli animi si riscaldano a dispetto dei primi  rinfreschi autunnali. Il conducente del mezzo pubblico arresta nuovamente la  marcia dell’autobus  e con il telefono cellulare nella sua disponibilità contatta il 112 per richiedere con urgenza l’intervento dei militari, al fine di dirimere la questione.

I carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Perugia alla quale era stata nel frattempo smistata  la richiesta di intervento, raggiungono subito il luogo segnalato.  Ad attenderli i due controllori, uno dei quali dolorante per la botta ricevuta, insieme all’uomo sorpreso a viaggiare gratis  che  viene  preso in consegna dagli  stessi  carabinieri, nel  mentre  il controllore ferito viene avviato al locale pronto soccorso per le cure del caso.  Fortunatamente ne  avrà  per  qualche giorno per una lieve abrasione al dorso.

Condotto in caserma, con  l’accusa  di  resistenza e lesioni ad  incaricato di pubblico servizio,  scattano  così le manette ad un 27enne somalo, residente nella zona del tuderte, nullafacente,  incensurato,  al quale evidentemente “la gita fuori porta” non è andata come sperava!!!!

Assolte le  formalità di  rito,  l’arrestato  è  stato  trattenuto presso le camere di scurezza di questa caserma in attesa di essere processato per direttissima dall’Autorità Giudiziaria  giudicante.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*