Pecorelli chiede aiuto alla Caritas, vuole lavorare per portare avanti la famiglia

Pecorelli chiede aiuto alla Caritas, vuole lavorare per portare avanti la famiglia

Davide Pecorelli, dopo il racconto della sua storia al magistrato della procura di Perugia a tre giorni dal ritrovamento, stamani torna davanti agli inquirenti, stavolta nell’indagine avviata nei giorni scorsi dai giudici della procura di Grosseto per ricettazione delle monete d’oro rubate nel 2019 a San Mamiliano di Sovana. Lo scrive oggi la Nazione Umbria in un articolo a firma di Fabrizio Paladino.


Fonte: La Nazione Umbria


Pecorelli ieri mattina – scrive il quotidiano – ha affermato di aver fatto richiesta di aiuto alla Caritas di Città di Castello, ribadendo inoltre di voler cercare quanto prima un lavoro, per portare avanti la famiglia. Padre di quattro figli, di cui tre minorenni, vuole concretamente dare un supporto.

Intanto Davide, accompagnato dal suo legale di fiducia, Giancarlo Viti, è stato convocato al comando dei carabinieri di Porto Santo Stefano, nel Grossetano, dove gli inquirenti lo sentiranno sulla storia del tesoro  trovato all’isola di Montecristo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*